Astronomia: ecco perché le eclissi solari totali sono rare e lo diventeranno ancora di più

Poiché il sole è 400 volte più grande e distante della luna, i due corpi possono allinearsi perfettamente e dare origine ad un'eclissi solare totale, ma non è tutto così semplice

LaPresse/Reuters

Domani, 11 agosto, il sole darà spettacolo con un’eclissi solare parziale che, per quanto suggestiva, è ancora lontana dal fascino e dall’ammirazione che riesce a suscitare un’eclissi solare totale. Un’eclissi totale di sole si verifica quando la luna passa tra la Terra e il sole e proietta un’ombra che oscura alcune aree del nostro pianeta. Considerando la sola orbita della luna, un determinato luogo sulla Terra potrebbe vedere un’eclissi solare, tuttavia ci sono molti altri fattori da considerare prima che si verifichi un evento astronomico del genere.

Il fatto che la luna blocchi la luce del sole non è raro e potrebbe portare ad un’eclissi solare totale. Poiché il sole è 400 volte più grande e distante della luna, i due corpi possono allinearsi perfettamente, ma non è tutto così semplice. Ecco i motivi per i quali le eclissi solari totali non si verificano spesso.

Forma orbitale irregolare

Proprio come la Terra, la luna segue un’orbita ellittica e non circolare. Questo significa che la distanza della luna dalla Terra non è uniforme e alcuni episodi in cui la luna passa tra la Terra e il sole non produrranno lo stesso effetto di un’eclissi solare totale. Quando la luna è all’afelio (alla massima distanza dalla Terra) non copre completamente il sole. L’anello di fuoco del sole è ancora visibile e darà origine ad un’eclissi anulare .

L’inclinazione della Terra e l’orbita inclinata della luna

Della distanza della luna abbiamo già parlato, quindi resta da considerare la sua orbita inclinata rispetto all’equatore della Terra. Poiché l’orbita della luna è inclinata per seguire l’equatore, questo significa che la maggior parte dei casi in cui la luna eclissa il sole non è visibile dalla Terra. Il motivo sta nel fatto che l’ombra della luna finisce per essere proiettata al di sopra o al di sotto della Terra. Nessuna ombra, nessuna eclissi.

Un mondo d’acqua

Consideriamo che sia la distanza che l’inclinazione siano perfette per un’eclissi solare totale, il che succede 2-5 volte all’anno. Perché non vediamo un’eclissi? Perché solo un terzo del pianeta è costituito da terra, il che significa che la maggior parte delle eclissi sono osservate dalle creature che popolano il mare. Ovviamente non si prepareranno per assistere all’evento, ma non cambia il fatto che il 70% delle eclissi che si verificano non possono essere osservate da terra. Per coloro che si troveranno in mare durante l’evento, ammirare un’eclissi dipenderà comunque dalle condizioni del cielo: una copertura nuvolosa oscurerebbe la vista.

Le eclissi solari totali stanno diventando sempre più rare

LaPresse/Reuters

Nel 1695, Edmond Halley, astronomo inglese del XVII secolo, ha ipotizzato che la rotazione del pianeta rallenterà e i giorni diventeranno più lunghi, sulla base di calcoli sulle eclissi solari totali antiche e più “attuali”. La validità di questa ipotesi è stata dimostrata da un’attrezzatura sulla luna sistemata dagli astronauti dell’Apollo. Secondo la spiegazione, la rotazione della Terra sta rallentando a causa della forza creata dalle maree e questo, a sua volta, fa sì che la luna si allontani per preservare l’equilibrio del sistema Terra-luna. In poche parole, questo significa che le generazioni future potrebbero osservare solo eclissi anulari.

Se può essere di conforto, la luna si sta allontanando di 3,8 cm all’anno, quindi serviranno milioni di anni prima che l’umanità saluti definitivamente le eclissi solari totali. Al momento, abbiamo ancora la possibilità di goderci un fenomeno eccezionale che si verifica nello stesso punto della Terra ogni 375 anni.