Carcinoma renale: combinazione nivolumab e ipilimumab dimostra sopravvivenza più lunga

Il carcinoma a cellule renali è il tipo di tumore del rene più comune negli adulti, responsabile ogni anno di oltre 140.000 morti nel mondo

Bristol-Myers Squibb ha annunciato i risultati di una nuova analisi dello studio di fase 3 CheckMate-214, che dimostrano che nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico (RCC), precedentemente non trattati, la combinazione di nivolumab e ipilimumab è associata a una sopravvivenza libera da trattamento (TFS) significativamente più lunga.
Con un follow-up minimo di 30 mesi, il 36% dei pazienti trattati con la combinazione nivolumab più ipilimumab è ancora vivo e non necessita di una terapia successiva, rispetto al 16% dei pazienti a cui è stato somministrato sunitinib.
Dopo 2 anni, tra coloro che hanno interrotto la terapia, è libero da trattamento il 19% dei pazienti del gruppo di combinazione rispetto al 6% dei pazienti in terapia con sunitinib. I dati emersi dallo studio (Presentation #874P) sono stati presentati in un poster al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) in corso a Monaco (Germania), dal 19 al 23 ottobre.
“I risultati di questa analisi del CheckMate-214 forniscono importanti informazioni sulla potenziale possibilità di ottenere un beneficio clinico duraturo con la combinazione di nivolumab e ipilimumab nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato verso i quali vi è un rilevante bisogno clinico insoddisfatto”, ha affermato David F. McDermott1, MD, direttore del programma di Immuno-Oncologia presso il Beth Israel Deaconess Medical Center e sperimentatore del CheckMate-214.
Il TFS è stato significativamente più lungo con la combinazione di nivolumab e ipilimumab rispetto a sunitinib indipendentemente dalla migliore risposta ottenuta (p <0,0001). Due anni dopo l’interruzione, tra i pazienti che avevano ottenuto una risposta completa o parziale, il 42% dei pazienti trattati con la combinazione è rimasto libero dal trattamento contro il 12% di quelli in terapia con sunitinib. Dopo lo stesso tempo di interruzione, tra i pazienti che avevano ottenuto una stabilizzazione di malattia, il 12% di coloro che avevano ricevuto la combinazione e il 6% di quelli che avevano ricevuto sunitinib non ha richiesto ulteriore trattamento.
Analogamente, il beneficio in termini di TFS della combinazione nivolumab più ipilimumab vs sunitinib è stato osservato anche attraverso i sottogruppi di PD-L1. Nei pazienti con PD-L1 ≥ 1%, il 27% dei pazienti nel braccio di trattamento di combinazione nivolumab più ipilimumab è rimasto libero dal trattamento a due anni dall‘interruzione, rispetto all’8% di pazienti nel braccio di trattamento con sunitinib (p = 0.0002). Nei pazienti con PD-L1 <1%, il 18% dei pazienti nel braccio di trattamento di combinazione nivolumab più ipilimumab è rimasto libero dal trattamento due anni dopo l’interruzione, rispetto al 5% di pazienti nel braccio di trattamento con sunitinib (p <0,0001).
Quest’ultima analisi, che mostra il beneficio clinico prolungato nel tempo, aggiunge un tassello alle evidenze emerse dal CheckMate-214 in merito alla sopravvivenza globale superiore e alla risposta duratura, indipendentemente dall’espressione di PD-L1 e rafforza il nostro continuo impegno nel migliorare i risultati per i pazienti che convivono con il più comune tipo di cancro del rene“, ha detto Arvin Yang, MD, Ph.D., M.D., Ph.D., Responsabile di sviluppo, melanoma e tumori genitourinari, Bristol-Myers Squibb.

Lo studio CheckMate -214

CheckMate -214 è uno studio di fase 3, randomizzato, in aperto, che ha valutato la combinazione di nivolumab e ipilimumab rispetto a sunitinib in pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico (RCC), non precedentemente trattati.
I pazienti del gruppo di combinazione hanno ricevuto nivolumab 3 mg/kg più ipilimumab 1 mg/kg ogni tre settimane per quattro dosi seguite da nivolumab 3 mg/kg ogni due settimane. I pazienti del braccio di confronto hanno ricevuto sunitinib 50 mg una volta al giorno per quattro settimane, seguite da due settimane di riposo e successiva ripresa del trattamento. I pazienti sono stati trattati fino alla comparsa di progressione o tossicità inaccettabile. Gli endpoint primari dello studio sono la sopravvivenza globale (OS), la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e il tasso di risposta obiettiva (ORR) in una popolazione di pazienti a rischio intermedio o sfavorevole (circa il 75% dei pazienti). La maggioranza di alfa è stata allocata alla sopravvivenza globale. La sicurezza è un endpoint secondario.
Complessivamente, al momento dell’analisi primaria dello studio, 320 (75%) pazienti del gruppo nivolumab più ipilimumab e 359 (85%) pazienti del gruppo sunitinib avevano interrotto il trattamento, più comunemente a causa della progressione della malattia (rispettivamente 42% e 58%) o per eventi avversi correlati alla terapia in studio (rispettivamente 23% e 11%). Nei pazienti che hanno interrotto il trattamento, la sopravvivenza libera da trattamento (TFS) è stata significativamente più lunga con nivolumab in combinazione con ipilimumab rispetto a sunitinib (p<0.0001); 18 mesi dopo l’interruzione del trattamento, il 19% vs. 4% dei pazienti è rimasto libero da trattamento, rispettivamente.

Il carcinoma a cellule renali

Il carcinoma a cellule renali è il tipo di tumore del rene più comune negli adulti, responsabile ogni anno di oltre 140.000 morti nel mondo. Il carcinoma renale a cellule chiare è il tipo di tumore renale a prevalenza più alta e rappresenta l’80-90% dei casi totali. L’RCC è circa due volte più comune negli uomini che nelle donne, con i tassi più alti in nord America e in Europa. A livello mondiale, il tasso di sopravvivenza a cinque anni nei pazienti con diagnosi di tumore del rene metastatico o avanzato, è del 12,1%.