Maltempo Basilicata, Copagri: danni ingenti a colture e strutture

Maltempo Basilicata, Copagri: "Bisogna ripensare alla gestione del territorio, che al momento sconta una totale assenza di programmazione"

maltempo basilicata

Una delegazione della presidenza della Copagri Basilicata, a seguito del violento nubifragio che si è abbattuto giovedì sulla Regione, durante il quale sono caduti oltre 200 millimetri di pioggia, si è recata in visita ad alcune delle zone colpite, e in particolare nei comuni di San Mauro forte, Stigliano e Salandra, tutti situati nel materatese.

Abbiamo riscontrato una situazione molto grave, con ingenti danni alle colture in campo, molte delle quali andate irrimediabilmente perse, ma anche alle strutture e, soprattutto alle infrastrutture”, spiega il presidente della Copagri Basilicata Nicola Minichino, ad avviso del quale “bisogna ripensare alla gestione del territorio, che al momento sconta una totale assenza di programmazione e problematiche legate alla manutenzione delle infrastrutture primarie e secondarie”.

Dal momento che questi violenti nubifragi, anche a causa dei cambiamenti climatici, non sono più fenomeni sporadici e isolati, i produttori agricoli non riescono più a guardare al futuro con ottimismo”, prosegue Minichino, invitando la Regione Basilicata a convocare un tavolo di confronto nel quale ridiscutere la manutenzione delle infrastrutture e la gestione del territorio.

I danni sono indubbiamente ingenti, ma ancora non quantificabili, anche perché siamo ancora in una fase di allerta arancione; una volta terminata, bisogna attivare celermente la valutazione dei danni e avanzare con gli adempimenti necessari a richiedere lo stato di calamità naturale”, conclude il presidente della Copagri Basilicata.