In cerca di avventura? Ecco i luoghi da non perdere!

Per facilitare la scelta abbiamo selezionato alcuni luoghi che devi assolutamente visitare cercando di soddisfare la tua voglia di vacanza all’aria aperta e, magari, metterti alla prova

viaggi

Sei alla ricerca dei migliori viaggi avventure nel mondo? Ebbene, Per esempio, una buona destinazione è la vetta più ripida della Terra, il Monte Thor, Nunavut, in Canada. Sebbene non sia certo la vetta più alta del mondo, questo monte vanta sicuramente la vetta più ripida: fatta di granito puro, ha un angolo medio di circa 105 gradi. Nonostante la montagna si trovi in una zona remota, è una destinazione popolare per gli appassionati di alpinismo.

Una buona alternativa avventurosa è il luogo abitato più freddo della Terra: Oymyakon, in Russia. Questa piccola città, di appena 500 abitanti, un tempo fu usata come luogo di esilio politico. Le temperature invernali sono in media di circa -58 gradi, con un serio effetto sulle funzioni corporee. Il terreno è permanentemente ghiacciato tutto l’anno e la città ha attualmente un solo albergo. Gli sport più popolari – non potrebbe essere altrimenti! – sono lo sci, l’hockey su ghiaccio e la pesca su ghiaccio.

Di contro, se cerchi il luogo più secco della Terra, non puoi che andare sul Deserto di Atacama, in Cile. Un luogo in cui avrai sicuramente bisogno di abbondante protezione solare, e di scarpe piuttosto pratiche: il suolo del deserto di Atacama è infatti paragonabile a quello di Marte. Il deserto vanta un record davvero poco invidiabile: dall’ottobre 1903 al gennaio 1918, sul deserto di Atacama non è caduta nemmeno una goccia di pioggia, rendendo questo periodo quello più lungo della storia, senza pioggia. Anche se è poco popolato, il deserto di Atacama ha diversi hotel tra cui scegliere per soddisfare i turisti che vengono a esplorare questo territorio.

Altro luogo particolarmente complicato è quello più caldo della Terra, il Deserto di Lut, in Iran. Qui, le temperature salgono ripidamente, ed è importante cercare di rimanere al fresco e conoscere il proprio corpo per riconoscere i segni del colpo di calore. Secondo una leggenda locale, il nome Dasht-e Lut, da cui deriverebbe il nome di questo deserto, in persiano significa “grano tostato”, riferendosi alla storia di un carico di grano che era finito in fiamme dopo essere stato lasciato accidentalmente fuori dal deserto per alcuni giorni. Anche se numerosi turisti visitano questa terra desertica, è in realtà una destinazione solo per chi è disposto ad affrontare la sfida di sopravvivere al caldo e all’insopportabile clima secco.

Concludiamo infine con il luogo più isolato del mondo, Tristan da Cunha. Sebbene formalmente parte del territorio britannico d’oltremare, Tristan da Cunha si trova a centinaia di chilometri dalla terra più vicina, l’Africa. Scoperto dall’esploratore portoghese Tristão da Cunha nel 1506, l’isola ospita meno di 300 abitanti e non ha un aeroporto; Tristan da Cunha è accessibile solo via mare, con una traversata sufficientemente lunga da mettere tra voi e il resto del mondo una bella barriera.