Grande attesa per il Black Friday: ecco chi aderisce e i consigli per evitare truffe

E' tutto pronto per il Black Friday il venerdì nero di sconti pazzi e la 'febbre di shopping', online e anche nei negozi fisici, è già iniziata

Black Friday

E’ tutto pronto per il Black Friday il venerdì nero di sconti pazzi e la ‘febbre di shopping’, online e anche nei negozi fisici, è già iniziata. Ormai il Black Friday e il Cyber Monday, il “lunedi’ digitale”, che segue il venerdi’ dello shopping e che e’ dedicato agli sconti sui negozi online, e’ diventata una sorta di settimana degli acquisti in vista delle festivita’ natalizie.

A fare da apripista in Italia a questa tradizione americana e’ stata Amazon, che anche quest’anno ha gia’ iniziato le offerte e si prepara a fare la parte del leone nelle vendite. L’obiettivo e’ sbriciolare il record dell’anno scorso, quando il colosso Usa dello shopping, in tutto il mondo, durante il cosiddetto “Turkey 5”, ovvero il periodo compreso tra il Giorno del Ringraziamento e il lunedi’ successivo, ha ricevuto ordini per ben 140 milioni di prodotti, molti dei quali tramite l’app ufficiale Amazon (il 50% di ordini in piu’ rispetto allo scorso anno). Solo in Italia Amazon l’anno scorso ha fatto 15.000 offerte e ha ricevuto ordini per 2 milioni di prodotti, contro gli 1,1 milioni del 2017.

COS’E’ IL BLACK FRIDAY – Si tratta – spiegano – di un giorno non festivo, ma particolarmente importante sotto l’aspetto commerciale, una specie di festa dei consumi, inventata negli Stati Uniti, che segue il Giorno del Ringraziamento, cioe’ la festa, questa si’ religiosa, osservata negli Usa e in Canada in segno di gratitudine verso Dio per il raccolto e per quanto ricevuto durante l’anno trascorso. Il giovedi’ del Ringraziamento apre ufficialmente la stagione dello shopping natalizio che con il Black Friday entra concretamente in vigore. Si chiama “venerdi’ nero” perche’ quando la festa e’ stata istituita (la data di esordio e’ incerta) i registri di cassa dei negozi venivano compilati a penna: rossa per i conti in perdita, nera per quelli in attivo. Il Black Friday indica quindi un giorno di grandi guadagni per le attivita’ commerciali, in quello che il mondo del business considera il periodo dell’anno piu’ proficuo, capace di portare in nero e quindi in attivo, i conti dei commercianti. Nel 1924, il giorno successivo al Ringraziamento, la catena di distribuzione Macy’s organizzo’ la prima parata per celebrare l’inizio degli acquisti natalizi ma fu solo negli anni Ottanta che esplose la Black Friday mania negli Stati Uniti; successivamente e’ diventato popolare anche in altri Paesi e da qualche anno anche in Italia, specie per le vendite online.

– L’INIZIO DEGLI SCONTI IN ITALIA – A meno di una settimana dalla partenza del Black Friday, parecchie ditte hanno gia’ iniziato a offrire sconti e promozioni. Innanzitutto Amazon, la Regina del Black Friday. Per tutta questa settimana di super shopping, il colosso Usa rafforzera’ la sua rete e la sua logistica e offerte lampo e offerte del giorno sui prodotti piu’ popolari. Anche quest’anno faranno furore soprattutto i prodotti di elettronica di largo consumo, con sconti che arriveranno fino al 50%, con l’Echo Dot, il piu’ economico dei suoi assistenti per la casa, in vendita a 35 invece che 60 euro. Amazon ha due diversi canali di vendita: Retail e Marketplace.

Il primo e’ quello in cui l’utente acquista direttamente da Amazon, che a sua volta ha acquistato dal produttore. Il secondo, invece, e’ quello che Amazon mette a disposizione dei venditori: in questo caso il consumatore non acquista da Amazon ma da un venditore terzo ospitato sulla piattaforma. Il consiglio e’ di preferire Amazon Retail, ma anche Marketplace offre alti margini di sicurezza. Anche le due catene dedicate all’elettronica di consumo da giorni propongono sconti legati al Black Friday. Mediaworld ha proposto una domenica senza Iva (-22% su tutti i prodotti), mentre Unieuro e’ in pista, fino al 26 novembre, con il “black rock”, un volantino pieno di sconti. Sul sito di Euronics gli sconti cominceranno invece dalla mezzanotte del 23 novembre, e cosi’ su quello di MediaWorld.

Per quanto riguarda invece l’arredamento e gli oggetti per la casa, sono gia’ cominciati gli sconti di Poltronesofa’: su quattro modelli di divani e divani-letto, fino al 25, sono previste promozioni al 70 per cento. Ikea invece proporra’ sconti molto forti su una selezione di prodotti. In che modo? Scontera’ i prodotti che riceveranno piu’ voti sul suo sito fino a domenica. Tra i siti che vendono abiti e accessori, aderiscono al Black Friday: Asos, Zalando e Ovs, anche nei negozi fisici. Anche da Yoox ci saranno promozioni. Tra i siti che vendono prodotti cosmetici aderiscono Sephora, che proporra’ sconti sia il 23 novembre che il 26, mentre sul sito delle profumerie Douglas gli sconti sono gia’ cominciati e fino al 26 novembre si potra’ avere un risparmio del 30% se si comprano almeno 99 euro di prodotti e del 25% se si arriva a 69.

L’Estetista Cinica, resa famosa da Instagram, promuovera’ il 30% di sconto per chi e’ iscritto alla sua newsletter, il 25% per gli altri. Aderiscono al Black Friday anche le aziende del settore viaggi e vacanze: Ryanair fara’ 24 ore di promozioni, a differenza dell’anno scorso in cui le fece per una settimana. Anche il sito per prenotare le vacanze eDreams fara’ sconti sui biglietti aerei e cosi’ Volagratis.

COME EVITARE LE TRUFFE – In Italia il grosso degli acquisti nel Black Friday e nel Cyber Monday avviene online. Per evitare brutte sorprese, visto che questi appuntamenti attirano molti consumatori non abituati ad acquistare in rete, le associazioni Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia hanno diramato una serie di consigli. Il primo e’ di diffidare dei prezzi troppo bassi.

Spesso gli smartphone di ultima generazione vengono offerti a cifre irrisorie (anche 200-300 euro). In questi casi il rischio ‘scottatura’ e’ altissimo: nel migliore dei casi potrebbe trattarsi di un telefono usato e ricondizionato. Nel peggiore, di un telefono che non vi verra’ mai consegnato. I rischi maggiori si corrono al di fuori delle grandi piattaforme come Amazon, eBay o Zalando per l’abbigliamento. Chi acquista sui siti di aziende poco conosciute, deve verificare che abbiano inserito i propri recapiti sul sito: indirizzo geografico e i contatti di telefono e email.

E’ un obbligo di legge. Attenzione anche al dominio del sito, perche’ il .it non e’ garanzia che il negozio abbia la sua sede in Italia. Potrebbe spedire da Paesi extra Ue e, spiega Adiconsum, per questi venditori “potrebbe non applicarsi la normativa europea a tutela del consumatore”. Per sincerarsi se il sito a cui intendiamo affidarci rispetta i parametri di qualita’ sul rispetto della privacy, le consegne rapide, i resi e i rimborsi semplici occorre controllare il marchio di fiducia o certificato di qualita’. Anche sulle piattaforme di shopping piu’ popolari occorre stare ben attenti. Il meccanismo delle recensioni – sia degli articoli sia dei venditori stessi – in questi casi puo’ essere di grande aiuto per capire se il venditore e’ serio o se la merce e’ di qualita’, a patto di leggerle con attenzione, soprattutto se stiamo facendo un acquisto costoso. I commenti falsi – spiegano – si riconoscono dal fatto che l’utente non ha effettivamente comprato quell’articolo. E’ un dato che su Amazon e’ possibile verificare appena sotto al nome del recensore. Al momento di pagare, come ricorda il Centro europeo consumatori (Cec), sono da privilegiare le carte di credito che offrono il servizio di chargeback, cioe’ la restituzione del prezzo pagato in caso di mancata consegna, e PayPal, il sistema digitale che ci evita di inserire i dati della carta e offre protezione in caso di frodi. Prima di concludere l’acquisto, e’ bene dare un’occhiata alla barra degli indirizzi. Prima o alla fine della url deve esserci l’immagine stilizzata di un lucchetto. E’ il segnale che quella connessione e’ protetta e i dati che inseriamo sono protetti da un protocollo di sicurezza.