Maltempo, Di Maio: “Se serve qualche norma per l’emergenza interveniamo”

"Se serve qualche norma per l'emergenza interveniamo. Ci sono un sacco di provvedimenti in Parlamento che stanno per scadere, quindi possiamo inserire le norme dove vogliamo"

“Se serve qualche norma per l’emergenza interveniamo. Ci sono un sacco di provvedimenti in Parlamento che stanno per scadere, quindi possiamo inserire le norme dove vogliamo”. Così il vice premier e ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio, durante il suo sopralluogo a Rocca Pietore, ha rassicurato i sindaci di questa zona colpita dal Maltempo in merito alle norme in deroga per velocizzare le operazioni di recupero delle strutture.

“Due cose sicuramente le facciamo subito: la stima dei danni e gli stanziamenti di tutti i soldi che servono nella legge di bilancio”. Lo ha reso noto il vicepremier Luigi Di Maio, a Rocca Pietore, prima di incontrare gli imprenditori e dopo aver compiuto un sopralluogo ai Serrai di Sottoguda. “Quindi – ha proseguito Di Maio – non si aspetteranno mesi visto che la legge di bilancio e’ in discussione in Parlamento e metteremo dentro i soldi. La seconda cosa: i ristori agli imprenditori e alle imprese che hanno subito i danni saranno diretti e non con credito d?imposta. Significa che erogheremo i fondi – ha concluso – man mano che avranno stimato i danni”.

Sulla questione della rimozione degli alberi dalle zone colpite dal Maltempo in Veneto “c’e’ stato un tavolo in Prefettura stamattina. La regione e’ attiva. Noi come governo centrale agevoleremo tutti i processi che servono, sia a favorire le imprese locali nella rimozione sia ad aiutare le amministrazioni pin prima linea per aiutare le imprese”. “Tutto quello che sara’ fatto – ha aggiunto Di Maio – su rimozione del legno e degli alberi caduti sara’ parallelo alla piantumazione di nuovi arbusti, perche’ ne va della tenuta della montagna e della tenuta idrogeologica di un territorio”, ha concluso.