PhDay 2018: l’Università di Pisa dà il benvenuto ai nuovi allievi del dottorato di ricerca

Con il PhDay, alla sua seconda edizione, l'Università di Pisa accoglie 262 immatricolati, selezionati tra mille candidati

Sarà inaugurato sabato 24 novembre, alle 10,30 nell’Aula Fratelli Pontecorvo del Polo Fibonacci, l’anno dottorale dell’Università di Pisa, alla presenza del rettore Paolo Mancarella, della delegata ai Dottorati di ricerca, Marcella Aglietti, e di quattro testimonial di prestigio internazionale. Il professor Alessandro Launaro, dell’Università di Cambridge, farà da testimonial per le discipline umanistiche, storiche, linguistiche e filosofiche; la dottoressa Francesca Iezzi, dell’Università di Edimburgo, per le discipline scientifiche; il dottor Piergiorgio Morosini, del Consiglio Superiore della Magistratura, per le discipline giuridiche, economiche, politologiche e sociali; infine il dottor Riccardo Mariani, dell’Intel Corporation Italia S.p.A, per le discipline ingegneristiche.

Nel pomeriggio, alle 14,30, il rettore e i coordinatori dei dottorati di ricerca consegneranno i diplomi ai nuovi dottori di ricerca e, novità di quest’anno, saranno attribuiti sei premi di studio alle miglior tesi di dottorato discusse nel 2018, una per ciascuna area scientifica. Il programma proseguirà quindi con seminari e workshop dedicati alle opportunità di formazione specificamente pensate per i dottorandi e per valorizzarne al meglio il percorso, oltre a laboratori di ricerca, panel session e spazi informativi a cura dell’Ufficio dottorati e dall’Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani.

Con il PhDay, alla sua seconda edizione, l’Università di Pisa accoglie 262 immatricolati, selezionati tra mille candidati, oltre la metà dei quali risultati idonei per qualità ed esperienza. Sono oltre 730 gli studenti pisani del dottorato suddivisi fra i tre anni di corso, che diventano molti di più se contiamo anche i dottorandi afferenti ai Dottorati in convenzione con altri Atenei ma attivi presso i laboratori e i centri di ricerca dell’Ateneo pisano.

L’Università di Pisa sta investendo molto sui dottorati di ricerca, con un investimento superiore rispetto ad altri atenei di analoghe dimensioni e pari alla ragguardevole somma di oltre 5 milioni di euro per il solo 2019. Un progetto di valorizzazione voluto dal rettore Paolo Mancarella e che ha visto anche altri riconoscimenti importanti, come la riforma dello Statuto, coll’attribuzione di un posto per i rappresentanti dei dottorandi nel massimo organo di governo accademico, la creazione della borsa in memoria di Giulio Regeni, e la realizzazione nel prossimo semestre di oltre 20 moduli di didattica trasversale in conformità ai più alti parametri della formazione di terzo livello nell’ambito della ricerca italiana ed internazionale.