Turismo, chiusura Skypass: dalla Calabria offerta sempre più ricca e diversificata

Skypass è l'appuntamento annuale a ModenaFiere dedicato alla montagna, all’outdoor e agli sport invernali

Si è conclusa l’edizione 2018 di Skypass, appuntamento annuale a ModenaFiere dedicato alla montagna, all’outdoor e agli sport invernali.

Lo stand della Regione Calabria, animato da degustazioni di prodotti tipici della montagne calabresi per tutta la durata della manifestazione, ha visto avvicendarsi diversi professionisti del settore come tanti visitatori appassionati di vita all’aria aperta, natura e attività outdoor: con un entroterra che vanta ben tre parchi nazionali, Pollino, Sila e Aspromonte, il Parco regionale delle Serre e riserve naturali il territorio calabrese ha molto da offrire a chi ama sciare, ma anche a coloro che cercano un autentico contatto con la natura incontaminata, tra foreste, laghi e fiumi.

Lo stand regionale nel corso di Skypass ha dato spazio e voce a diversi operatori dell’accoglienza e gestori di attrazioni del territorio calabrese, come Destinazione Sila, il Centro Fondo Carlomagno, Camminasila, Chiosco Rosso e Lao Rafting, realtà dinamiche che propongono attività ludico-sportive per tutti e per tutte le stagioni: nel cuore verde del territorio calabrese è infatti possibile vivere l’adrenalina del rafting o l’emozione di spettacolari percorsi fluviali, come quello sul fiume Lao, nel Parco Nazionale del Pollino o ancora avventurarsi negli splendidi territori della Sila e dell’Aspromonte con il nordic walking, la mountain bike, il trekking, lo snow tubing e naturalmente lo sci, sia alpino che di fondo.

Nello stand, i rappresentanti del Collegio Maestri di Sci della regione, indossando proprio le divise ufficiali brandizzate Calabria, hanno presentato ampiamente pacchetti e proposte per le migliori mete del turismo bianco, come Camigliatello, Lorica e Gambarie d’Aspromonte, unico luogo dove è possibile vivere l’emozione di sciare guardando il mare.Per lo sci di fondo invece, ricchissima la proposta dell’area silana, dove è possibile anche cimentarsi in ciaspolate, escursioni in notturna con il gatto delle nevi o ancora con lo sleddog, la corsa su slitta trainata da cani, che si può praticare sia su neve che su sterrato. Proprio il campione di questa affasciante disciplina Gianni Sabella è stato ospite speciale dello stand: secondo ai Campionati Italiani, Sabella si allena in Sila, punto più a sud d’Europa dove è possibile praticare sleddog, e indossa i colori e i loghi della regione Calabria in ogni competizione. “La strategia messa in campo volta a proporre e definire un’offerta per il turismo bianco e l’outdoor sempre più ricca e strutturata” spiega il presidente della Regione Mario Oliverio “è finalizzata a rilanciare le montagne calabresi, vere e proprie palestre a cielo aperto. Il Dipartimento Turismo stimola lo spirito di rete tra gli operatori e supporta i loro sforzi per proporre al turista strutture, esperienze di soggiorno e attività sempre nuove e stimolanti, valorizzando al massimo l’unicità del nostro territorio in tutte le stagioni dell’anno”.