Turismo internazionale: l’Italia è al 1° posto tra i Paesi dell’area Schengen per presenze extra UE

Si è conclusa l’edizione 2018 del World Travel Market di Londra, dove Enit-Agenzia Nazionale del Turismo è intervenuta insieme a 16 regioni più Roma Capitale, 1500 operatori e con lo stand più esteso e più frequentato di tutta la manifestazione, il lancio della Virtual Reality e un evento all’interno della London National Gallery con visita guidata alla straordinaria mostra dedicata a Giovanni Bellini e Andrea Mantegna, alla presenza del direttore del prestigioso museo, l’italiano Gabriele Finaldi.

L’Italia per il prossimo triennio punta sulla crescita a valore e sulla sostenibilità e sulla campagna #cherishItaly, live in the moment, protagonista in questi giorni a Londra, che invita ad accarezzare ciò che il nostro Paese ha da offrire, approcciando con rispetto le mete più conosciute così come quelle ancora da scoprire, godendo dell’italianità in tutte le sue espressioni.

I DATI SUL TURISMO INTERNAZIONALE IN ITALIA

Osservato speciale il turismo internazionale: l’Italia è al primo posto tra i Paesi dell’area Schengen per presenze di provenienza extra UE (+8,3% sul 2016)* e in seconda posizione, nella stessa area, per presenze estere totali nel 2017. Le notti internazionali, pari a 124 milioni**, crescono del 2,3% nei primi 7 mesi 2018 sull’anno precedente. Anche la spesa turistica di provenienza estera, circa 23 miliardi*** di euro, aumenta del 4,9% sempre considerando gennaio-luglio 2018 rispetto al 2017.

IL MERCATO UK

Il pubblico inglese può essere definito un cliente affezionato all’Italia: Veneto, Campania e Lombardia sono le prime tre scelte di viaggio**** per il turista inglese che predilige soprattutto permanenze in strutture ricettive alberghiere, alimentando quello che si conferma essere un flusso stabile.

Wtm 2018 è stata anche occasione per Enit di presentare i primi risultati di uno studio sul potenziale dell’offerta turistica e culturale: dalle interviste agli operatori turistici emerge che i centenari di Leonardo, Raffaello e Dante sono tre grandi attrattori così come di tutti gli eventi, i luoghi, le opere ad essi collegati: Leonardo Da Vinci “vende come Nike”, Dante da valorizzare maggiormente, Raffaello ancora da avvicinare ai sogni del turista internazionale. Grazie ai centenari si stima un aumento del 2% della spesa turistica in Italia.

*Fonte: Ufficio Studi ENIT su dati EUROSTAT nel 2017 sul 2016 (presenze extra UE manca il dato 2017 di Svizzera, Norvegia e Islanda)
**Fonte Ufficio Studi ENIT su dati ISTAT 2018 provvisori
***Fonte Ufficio Studi ENIT su dati BANCA D’ITALIA 2018 provvisori
****Fonte Ufficio Studi su dati ISTAT