Ragni, gatti e folletti del Natale ma anche bizzarre figure del Presepe:...

Ragni, gatti e folletti del Natale ma anche bizzarre figure del Presepe: ecco le 12 tradizioni natalizie più strane nel mondo

Per ogni bellissima storia su un ragno di Natale che tesse una ragnatela d’oro per portare fortuna, c’è una figura in un Presepe in un momento particolarmente intimo o un gatto in attesa di attaccare le persone che non hanno un nuovo maglione di lana prima della Vigilia di Natale: ecco alcune delle tradizioni più strane nelle culture del mondo

Se ci fermassimo per un attimo a pensare alle festività natalizie, le prime cose a venirci in mente probabilmente sarebbero un albero di Natale pieno di luci e decorazioni, la corsa all’acquisto dei regali e le grandi abbuffate. Questo è più o meno il modo con cui si festeggia il Natale nella maggior parte del mondo occidentale, ma le tradizioni sono ben diverse nelle varie culture e alcune sono a dir poco strane. Le tradizioni natalizie in altri Paesi possono andare dall’incantevole al bizzarro o addirittura al terrificante, perlomeno se viste attraverso gli occhi di noi occidentali.

Per ogni bellissima storia su un ragno di Natale che tesse una ragnatela d’oro per portare fortuna, c’è una figura in un Presepe in un momento particolarmente intimo o un gatto in attesa di attaccare le persone che non hanno un nuovo maglione di lana prima della Vigilia di Natale. Ecco 12 dei modi più strani per festeggiare il Natale nel mondo.

1. I folletti del Natale (Grecia)

I Callicantzari sono folletti cattivi che provengono dal cuore della Terra e il loro lavoro è quello di abbattere l’Albero del mondo per terrorizzare le case durante i 12 giorni del Natale. Non esistono, tuttavia, 2 sole regioni in Grecia che li descrivano allo stesso modo. A volte sono piccoli, altre grandi, ma solitamente sono scuri e pelosi e hanno caratteristiche tipiche degli animali. Il giorno di Natale, riemergono sulla superficie della Terra per combinare guai durante la notte per tutto il periodo natalizio. Spariscono poi il 6 gennaio, per far ritorno alla loro casa.

2. Il gatto di Natale (Islanda)

Il Jólakötturinn, o gatto di Natale, non è proprio il cucciolo che ci si aspetterebbe per Natale. Risalente al XIX secolo, il feroce mostro alla Vigilia di Natale mangerà chiunque non avrà vestiti nuovi da indossare. Il gatto di Natale, che avrebbe dovuto incoraggiare gli allevatori a finire di tosare le pecore prima delle festività, ha bisogno di un dono di lana per essere soddisfatto, motivo che porta i residenti a regalare maglioni di Natale.

3. Birra e mince pie per Santa Claus (Irlanda)

Se vi sembra che la famosissima birra Guinness sia ovunque in Irlanda, è perché effettivamente lo è. Mentre secondo le tradizioni più conosciute Babbo Natale riceve latte e biscotti, in molte case dell’Irlanda trova ad attenderlo una pinta di Guinness e mince pie, un tortino ripieno di frutta secca. Probabilmente anche Babbo Natale avrà bisogno di una buona birra per compiere il suo lungo viaggio in tutto il mondo.

4. La Befana

Tra le tradizioni più strane sul Natale, figura anche la nostra Befana. Proprio come Babbo Natale, la Befana visita le case durante la festa dell’Epifania, il 6 gennaio, e lascia calze piene di dolcetti e regali per tutti i bambini buoni. Nonostante sia rappresentata come una gracile vecchietta ricoperta di fuliggine, la Befana è gentile e spazzerà le case con la sua scopa prima di andare via, spazzando così anche tutti i problemi dell’anno precedente.

5. Mangiare pollo fritto (Giappone)

Dopo una campagna pubblicitaria super popolare nel 1974, per il Giappone il Natale è a base di pollo fritto grazie alla Kentucky Fried Chicken (KFC), catena statunitense di fast-food. Anche se il Natale non è una festività religiosa nel Paese, dal 23 al 25 dicembre mangiare il pollo fritto dell’azienda statunitense è una tradizione così diffusa che le persone iniziano ad ordinare con 2 mesi di anticipo per assicurarsi la loro cena di Natale.

6. Nascondere le scope e non pulire (Norvegia)

Se odiate le pulizie, il Natale in Norvegia è la vacanza ideale per voi. Molto tempo fa, i norvegesi credevano che il 24 dicembre fosse il giorno in cui streghe e spiriti sarebbero venuti fuori per occupare i loro cieli. Dal momento che il principale metodo di trasporto di una strega è la scopa, i residenti nasconderanno tutte le scope e qualsiasi altro prodotto per la pulizia prima di Natale per tenerle lontane dalle loro case.

7. Una particolarissima figura nel Presepe (Spagna)

caganer presepe spagnaOgni Presepe ha il suo Bambin Gesù, Maria, Giuseppe e i Re Magi. Ma in Catalogna, Spagna, c’è una figura alquanto particolare. E già dal nome, “caganer”, è facile intuire il perché. Risalente al XVIII secolo, il “caganer” è tradizionalmente raffigurato come un contadino con i pantaloni abbassati, il sedere nudo e un mucchio di escrementi. Anche se l’esatto significato di questa figura è ancora sconosciuto, si ritiene che simboleggi la fertilità. I moderni caganer possono rappresentare anche celebrità o autorità, con l’intento di riportarli con “i piedi per terra”.

8. Natale con Paperino (Svezia)

In Svezia nessun Natale è completo senza Paperino. Ogni anno alle 15 della Vigilia di Natale, viene trasmesso in TV lo speciale Walt Disney del 1958, dal titolo “Paperino e i suoi amici vi augurano Buon Natale” e, secondo quanto riportato, un incredibile 40% dei residenti è sintonizzato per guardarlo. La traduzione in svedese riflette la popolarità di Paperino nel Paese scandinavo, rispetto ad altre nazione in cui Topolino è molto più conosciuto.

9. Ragni nell’albero di Natale (Ucraina)

Mentre in America i ragni sono associati ad Halloween, in Ucraina trovarne uno nel proprio albero di Natale è un segno di buona fortuna. Questo grazie alla Leggenda del Ragno di Natale, in cui una pigna cresciuta su un albero di Natale nella casetta di una povera famiglia viene ricoperta di ragnatele. Quando i bambini aprirono le finestre il 25 dicembre, le ragnatele si trasformarono in oro e argento, facendo sì che la famiglia non vivesse più in povertà. Per questo motivo, oggi ragni e ragnatele sono popolari decorazioni dell’albero di Natale.

10. Andare a messa sui roller (Venezuela)

Andare in Chiesa per celebrare le festività del Natale non è insolito, ma a Caracas, in Venezuela, i residenti ci vanno in un modo particolare: sui roller! Non è completamente chiaro perché le persone decidano di andare in Chiesa sui pattini a rotelle, ma i quartieri chiudono le strade alle 8 del mattino per dare spazio a questi atletici credenti.

11. Krampus (Austria)

San Nicola premia i bambini che sono stati buoni con dei regali, ma in Austria e altri Paesi dell’Europa centrale, Krampus punisce le bambine e i bambini cattivi. È per metà demone e per metà capra ed è spesso raffigurato con pesanti catene che colpisce per un effetto ancora più spaventoso. Insieme alla sua parte gioiosa, Krampus visita le case di tutti il 5 dicembre, proprio per la festa di San Nicola.

12. Ceppo di Natale (USA)

In un Paese in cui molte case hanno un vero camino, è strano che le persone guardino un fuoco ardere in TV. Eppure l’emittente televisiva WPIX di New York negli anni ’60 ha iniziato a mandare in onda per un paio d’ore la Vigilia e la mattina di Natale le immagini di un camino acceso, in cui arde un ceppo, con canti natalizi di sottofondo.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...