Auto, ecotassa 2019: Di Maio fa marcia indietro e salva la Panda

Auto, ecotassa 2019: Di Maio fa marcia indietro e salva la Panda

Il Governo fa un passo indietro sull'ecotassa prevista per il 2019. Il Vicepremier: "nessuna nuova tassa sulle auto delle famiglie"

di maio

È solamente di poche ore fa l’articolo in cui palesavamo le nostre perplessità riguardo l’emendamento che ha per oggetto l’ecotassa 2019.

Così come presentato il testo elaborato dal governo vanificava la ratio dell’emendamento che di fatto rendeva il bonus appannaggio esclusivo di chi poteva permettersi un’auto mediamente costosa a discapito di chi puntava ad una semplice utilitaria che di fatto avrebbe dovuto fare i conti con il malus.
Non si è fatto attendere il dietrofront del ministro Di Maio. Sono proprio di oggi le dichiarazioni con le quali rassicura gli automobilisti:

euroCi sono contatti costanti tra ministero e soggetti economici di consumatori e produttori per l’ecobonus sulle auto elettriche, non ci sarà nessuna tassa sull’auto delle famiglie degli italiani né nuove né in uso, sarà solo un bonus sulle elettriche, ibride e a metano.” Sottolinea poi l’importanza di interventi anche per le infrastrutture: “Serve una rivoluzione della mobilità in Italia, ci stiamo preparando a un piano di installazione di oltre 20.000 colonnine elettriche con EnelX“.

È chiara l’intenzione di voler salvare un mercato in cui oltre la metà delle auto vendute sarebbero soggette al malus.
La soluzione ideale potrebbe essere quella di alzare il limite di CO2 g/km emessi in modo da escludere dal malus alcune delle auto più vendute sul nostro mercato e stabilire un limite sul valore dell’auto oltre il quale il bonus si annulla.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...