Città cinese vieta il Natale: niente Santa Claus, alberi o decorazioni in...

Città cinese vieta il Natale: niente Santa Claus, alberi o decorazioni in quella che appare come una vera e propria repressione religiosa

Agli abitanti di Langfang è stato riferito che quest’anno le festività sono vietate dal governo

divieto natale cina

Mentre il resto del mondo si sta preparando al Natale, agli abitanti di una città cinese è stato riferito che quest’anno le festività sono vietate dal governo. Non sarà permessa alcuna immagine di Babbo Natale per le strade e i negozi locali non potranno vendere decorazioni natalizie o alberi di Natale. Siamo nella città di Langfang, vicino alla capitale Pechino.

L’ordine avvisa i negozi e le aziende locali che non potranno svolgere eventi promozionali o vendite nel periodo natalizio e che cartelloni e manifesti pubblicitari legati al Natale dovranno essere rimossi. L’avviso, inoltre, esorta i residenti a riferire alle autorità se qualcuno “diffonde la religione” in pubblico. Le autorità promettono anche di “ripulire” le strade dai venditori ambulanti di alberi di Natale, calze natalizie e decorazioni di vario genere. Un’intera squadra di agenti di polizia pattuglierà strade, supermercati e piazze pubbliche il 23, 24 e 25 dicembre per assicurarsi che non ci siano segni delle festività in vista.

AFP/LaPresse

Il Global Times, giornale nazionale, ha annunciato la decisione del governo non come un divieto religioso ma come il tentativo di mantenere “l’ambiente pulito”, suggerendo che le festività natalizie rendano poco pulita la città. Secondo quanto riportato, la città è in corsa per vincere il premio delle “Città civilizzate” della Cina, ritenuto “l’onore più alto” a cui una città cinese possa aspirare sotto ogni aspetto della propria vita pubblica, economica e sociale.

Ma non tutti credono a questa storia. Sembra proprio che Babbo Natale non andrà nelle case dei bambini di Langfang quest’anno a causa delle misure restrittive adottate dal governo per un’apparente repressione religiosa. All’inizio del mese un importante pastore protestante è stato arrestato dalle autorità cinesi con l’accusa di incitare alla sovversione, secondo un gruppo per i diritti umani. Si dice che il pastore Wang Yi sia stato arrestato insieme a circa un centinaio di fedeli dalla polizia nella notte del 9 dicembre. La costituzione della Cina garantisce la libertà di religione ma, dall’insediamento del Presidente Xi Jinping 6 anni fa, il governo ha rafforzato le restrizioni sulle religioni viste come una sfida all’autorità del Partito Comunista.

Non è la prima volta che una città cinese vede repressi lo spirito e l’allegria del Natale. Lo scorso dicembre, la città di Hengyang, nella provincia di Hunan, ha rilasciato un duro avviso in cui chiedeva alle autorità del Partito Comunista e ai loro parenti di “resistere alla dilagante festività occidentale”. Sempre lo scorso anno, il Global Times aveva definito le decorazioni natalizie come “un’invasione culturale”, citando un esperto che sosteneva che gli occidentali che si oppongono ai divieti sulle celebrazioni religiose “non comprendono l’inclusione e la flessibilità della cultura cinese”.

Patrick Poon, ricercatore di Amnesty International, ha dichiarato che i recenti raid riflettono l’attitudine del governo verso la Cristianità e che la mossa delle autorità di Langfang probabilmente è volta a impressionare Pechino. “Le autorità di Langfang forse vogliono dimostrano quanto sono pronte a compiacere il governo centrale vietando le decorazioni e le vendite di Natale. Tuttavia, dimostrano anche la loro ignoranza su ciò che il Natale significhi davvero per i cristiani, che non è fare acquisti o feste ma il momento di manifestare la loro fede”. Nonostante questa repressione, nel 2017 la Cina ha prodotto ed esportato il 60% degli alberi di Natale artificiali del mondo.

I cinesi festeggiano il Natale?

Il Natale non è una festività tradizionale in Cina ma nel corso degli ultimi 20 anni è diventata sempre più popolare a causa del suo valore commerciale. Le generazioni più giovani considerano la festività come un modo per andare a fare acquisti, riunirsi con gli amici e festeggiare. Le decorazioni natalizie sono comuni nelle importanti città cinesi. I centri commerciali non risparmiano alcuno sforzo nel presentare enormi e luminosi alberi di Natale per mostrare di mantenere il passo delle tendenze internazionali.

In uno strano modo di festeggiare il Natale, il 24 dicembre i cinesi mangiano mele rosse, credendo che portino fortuna e una vita tranquilla per il nuovo anno. La parola “mela” ha una pronuncia simile a “pace” in mandarino e la Vigilia di Natale è conosciuta come “la notte della pace”. Per questo motivo, i residenti mangiano “il frutto della pace” per l’occasione.

Ragni, gatti e folletti del Natale ma anche bizzarre figure del Presepe: ecco le 12 tradizioni natalizie più strane nel mondo

8 cose interessanti sull’albero di Natale: le origini, la storia e molto altro sul simbolo della festività più attesa dell’anno

Albero di Natale vero o finto? Ecco la scelta migliore nel rispetto dell’ambiente e non solo

Un Babbo Natale di genere neutro con jeans e tatuaggi? Ecco perché la gente crede che sia il caso di dare un nuovo volto a Santa Claus

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...