Orrore ai confini Messico-USA: bambini messicani marchiati con numeri sulle braccia

Orrore ai confini Messico-USA: bambini messicani marchiati con numeri sulle braccia

La pratica di scrivere con il pennarello sugli avambracci dei bimbi ha ricordato al mondo i tatuaggi dei prigionieri del nazismo, e l'ondata di indignazione si è alzata dappertutto

Dei numeri in serie sono stati scritti sulle braccia dei bambini migranti a Juarez, in Messico, tra le persone che aspettano di attraversare il confine per entrare negli Stati Uniti. A rivelarlo è stato Msnbc, che domenica ha diffuso un filmato diventato virale. La pratica di scrivere con il pennarello sugli avambracci dei bimbi ha ricordato al mondo i tatuaggi dei prigionieri del nazismo, e l’ondata di indignazione si è alzata dappertutto, anche sui media israealiani. Alcuni bambini, che facevano parte della carovana dei migranti arrivata al confine tra Stati Uniti e Messico, sono stati “marchiati” con numeri sul braccio. Lo ha denunciato il giornalista di Nbc News, Cal Perry, con un video pubblicato su Twitter che mostra almeno quattro bambini che riportano sul braccio numeri a quattro cifre, consequenziali tra cui “1963” e “1967”. Secondo Msnbc i numeri erano stati scritti da agenti della polizia di frontiera messicana e non da quelli americani, a Juarez, nella città di confine.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...