Ponte Morandi: capo periti Aspi, crollo non per cedimento degli stralli

Ponte Morandi: capo periti Aspi, crollo non per cedimento degli stralli

Il crollo del Ponte Morandi non sarebbe stato causato dal cedimento degli stralli: lo confermerebbero le prime analisi

A cura di AdnKronos
crollo ponte morandi genova video

Il cedimento degli stralli non è stata la causa del crollo del Ponte Morandi e lo confermerebbero anche le prime evidenze delle analisi del laboratori di Zurigo sui reperti. A dichiararlo è Giuseppe Mancini, coordinatore dei periti di Autostrade per l’Italia e professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso il Politecnico di Torino, in relazione alle diverse interpretazioni pubblicate dalla stampa sui primi esiti delle analisi effettuate – e non ancora completate – dal laboratorio Empa di Zurigo su reperti del Ponte Morandi.
E’ stato scritto che dalle analisi di Zurigo emergerebbe una corrosione media del 50% dei fili che formavano gli stralli e di guaine metalliche mancanti in molti punti dei cavi. Basandomi su alcuni elementi oggettivi e di natura documentale, vorrei provare a fare chiarezza su entrambi questi temi. Innanzitutto – afferma Mancini – va sottolineato che gli esiti di Zurigo, ancorché provvisori e a uno stadio intermedio (su un totale di 3248 fili sono stati osservati e classificati per classi di resistenza solo 2383 fili) evidenziano la piena tenuta statica del Ponte: infatti, interpretando quanto riportato nella nota del laboratorio di Zurigo, con una corrosione media del 50% della totalità della sezione resistente dei fili ci sarebbe ancora un ampio margine di capacità resistente, tale da non poterne causare la rottura“.
Sarebbero inoltre stati presenti – prosegue Mancini – fenomeni deformativi progressivi, visibili nel tempo da qualsiasi utente autostradale. Questo dato di fatto è stato confermato anche da ricostruzioni indipendenti di autorevoli esperti, che si sono espressi negli scorsi giorni in sede accademica“. “Per quanto riguarda invece la mancanza di guaine sui cavi, un rapporto di monitoraggio di Spea del 2016, effettuato mediante carotaggi sugli stralli delle Pile 9 e 10, ha evidenziato la presenza delle guaine in tutte le prove diagnostiche effettuate. I reperti di Pila 9 sezionati dopo il crollo hanno dimostrato che la guaina era presente anche nei cavi primari (tranne che, come da progetto di costruzione, nella zona in corrispondenza dell’antenna). E’ comprovato – sottolinea il capo dei periti di Aspi – dunque che le guaine ci fossero e svolgessero regolarmente la funzione di contenimento della matrice cementizia di avvolgimento dei singoli trefoli“.
In attesa del completamento delle prove, vorrei sottolineare che quanto finora emerso dalle analisi di Zurigo sembrerebbe confermare che il cedimento degli stralli non sia la causa primaria del crollo del Ponte, come ho dichiarato più volte“, conclude Mancini.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...