Unicef: in Iraq oltre 151mila bimbi rischiano la morte per il freddo

Unicef: in Iraq oltre 151mila bimbi rischiano la morte per il freddo

"Nessun bambino deve correre il rischio di morire di freddo. Tutti meritano di vivere in buona salute e dormire al caldo"

LaPresse/Reuters

Corsa contro il tempo per l’Unicef per assistere in Iraq oltre 151mila bambini, vittime delle guerre in Medio Oriente che rischiano ora la vita per il freddo: i “rifugiati interni” che hanno dovuto abbandonare con le loro famiglie le loro case a causa dei combattimenti, sono minacciati, con l’arrivo dell’inverno, dal freddo e dalle inondazioni che si sono abbattute su varie regioni del Paese.
In Iraq l’inverno è rigido e caratterizzato da piogge torrenziali e neve. Al nord, dove vive la maggior parte dei bambini jazidi e rifugiati interni, la colonnina di mercurio scende sotto zero.

Nessun bambino deve correre il rischio di morire di freddo. Tutti meritano di vivere in buona salute e dormire al caldo,” ha sottolineato il Rappresentante Unicef in Iraq Peter Hawkins

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...