I carboidrati fanno davvero male? Il parere dell’Ordine dei Medici

I carboidrati fanno davvero male? Il parere dell’Ordine dei Medici

Negli ultimi tempi si stanno diffondendo diverse diete low carb, ossia che mettono al bando i carboidrati ritenendoli pericolosi: l'Ordine dei Medici fa chiarezza

Terminate le feste natalizie si pensa già alla prova costume e in molti corrono ai ripari dopo aver abusato dei dolci durante le feste. In particolare negli ultimi tempi si stanno diffondendo diverse diete low carb, ossia che mettono al bando i carboidrati.

I sostenitori di tali regimi alimentari vedono nei carboidrati la causa di molte malattie e propongono, pertanto, di eliminarli assumendo in alternativa appositi integratori.

Ma cosa ne pensa la comunità scientifica a riguardo? La  Fnomceo, la Federazione degli Ordini dei Medici, vi ha dedicato una scheda sul portale anti-bufale ‘dottoremaèveroche‘.

Va detto – si legge nell’approfondimento – che la riconsiderazione del ruolo dei carboidrati nella dieta e la riduzione del loro consumo è una prospettiva interessante su cui, soprattutto negli Stati Uniti, si discute da tempo anche in ambienti scientificamente qualificati. Le perplessità nascono però quando queste indicazioni giungono da persone che non hanno alcuna specifica competenza in materia e, soprattutto, possono avere un interesse personale nel commercializzare i prodotti suggeriti. Inoltre, nessuna evidenza scientifica assicura di vivere fino a 120 anni seguendo lo stile di vita proposto da questi regimi alimentari.”

Cosa dice l’Oms

“La World Health Organization (WHO) ha delineato delle linee guida per una sana alimentazione, basandosi su revisioni sistematiche della letteratura mondiale condotte da esperti senza alcun tipo di conflitti di interesse. Queste linee guida – spiegano – hanno indicato che un apporto variabile dal 50 al 75% di calorie da carboidrati per lo più complessi (amido), contenuti in cereali integrali, legumi, vegetali e frutti interi, aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, il diabete e la condizione di prediabete.

È risultato anche che i migliori modelli alimentari al mondo sono la dieta mediterranea (58-60% delle calorie da carboidrati), la dieta DASH (55-56,5 % da carboidrati), le diete vegetariane (56-75% calorie da carboidrati), la dieta tradizionale degli abitanti delle isole di Okinawa (>75% da carboidrati). Da questi studi viene fuori come le proposte dietetiche che indicano i carboidrati come dannosi per il nostro organismo siano in contrasto con la prevalente base di evidenze disponibili in letteratura.

Inoltre, nel 2018 il Ministero della Salute ha diffuso delle linee guida per una sana alimentazione italiana. Nel documento si raccomanda di consumare più cereali, legumi, ortaggi e frutta perché apportano carboidrati ma anche vitamine, minerali e altre sostanze di grande utilità per una buona salute; di limitare la quantità di grassi e di zuccheri e di prestare attenzione alla qualità degli alimenti; di utilizzare poco sale; e soprattutto di variare spesso le scelte a tavola perché è il modo più semplice e sicuro per garantire, in misura adeguata, l’apporto di tutte le sostanze nutrienti indispensabili al nostro organismo.”

Valuta questo articolo

Rating: 4.0/5. From 4 votes.
Please wait...