Stop alle truffe su zenzero, limone e alimenti brucia grassi. Ecco la...

Stop alle truffe su zenzero, limone e alimenti brucia grassi. Ecco la vera sostanza in grado di far dimagrire senza fatica: si chiama dinitrofenolo, ma è letale

Ecco perché i brucia grassi sono una truffa. L'unica sostanza in grado di aiutarci a dimagrire senza sforzi sarebbe il dinitrofenolo, se non fosse letale

Sono finite le feste natalizie e all’orizzonte possiamo già intravedere il dramma della prova costume, così, uomini o donne che siamo, corriamo su Google a cercare i “brucia grassi”.
Noi vogliamo dimagrire, ma il tempo e la forza di volontà per buttarci anima e corpo su della sana attività fisica proprio non li abbiamo.

La lista di prodotti che promettono di farci perdere peso in poco tempo e senza sforzi è pressoché infinita. Tra i più gettonati ci sono limone, ananas, zenzero e tutta un’ampia varietà di spezie improbabili, da assumere al naturale o sotto forma di integratori. Ma, fateci caso, non troverete nessun farmaco che prometta gli stessi risultati.

dinitrofenoloL’unica sostanza in grado di fare ciò che promette, infatti, è il dinitrofenolo, i cui effetti sull’organismo sono stati osservati per la prima volta in una fabbrica francese intorno al 1919, come spiega il chimico Dario Bressanini nei suoi video.
I soggetti venuti a contatto con questa sostanza, ai tempi, hanno manifestato un aumento del metabolismo di circa il 50%, con la conseguenza che i grassi bruciavano e loro dimagrivano “a riposo”. Ma succedeva anche che la temperatura corporea si innalzasse oltremisura, causando la morte del soggetto. Addirittura, nei casi in cui il decorso della malattia era fulminante, il corpo continuava ad aumentare la propria temperatura anche dopo il decesso.
Circa un decennio più tardi, un gruppo di medici di San Francisco decise di sperimentare l’utilizzo di piccole dosi di dinitrofenolo nella cura di pazienti in stato di obesità, ma i risultati non furono migliori.
Infatti, questa sostanza venne messa in commercio negli Stati Uniti sotto forma di integratori e “sciroppi” senza però essere stata regolamentata e, mentre qualcuno dimagriva, altri manifestavano seri effetti collaterali, come cecità e morte. La sostanza venne dunque, fortunatamente, bandita.

Per capire cosa sia successo dobbiamo rispolverare la più conosciuta delle leggi della termodinamica, la quale spiega che l’energia non si crea né si distrugge, si può solo trasformare, passando da una forma a un’altra.
E anche il nostro corpo risponde a questa legge: in linea di principio, spiega il Prof. Bressanini, se il nostro metabolismo brucia 1 grammo di grassi, la “combustione” produce una determinata quantità di energia.
Ora, questa quantità di energia sviluppata dai grassi che abbiamo bruciato non può scomparire nel nulla, né restare “conservata” per quando ci servirà, ma deve obbligatoriamente essere utilizzata e il nostro corpo può impiegarla nei seguenti modi:

  • Per compiere uno sforzo fisico
  • Per far avvenire altre reazioni interne necessarie all’organismo
  • Per innalzare la temperatura corporea

Quindi, se consumassimo il nostro alimento (o integratore) brucia grassi stando fermi sul divano e senza compiere poi alcuna attività fisica, l’energia sprigionata potrebbe essere impiegata per far avvenire le normali reazioni necessarie all’organismo, ma l’energia “in più” finirebbe per causare un innalzamento della nostra temperatura corporea (che di norma si aggira intorno ai 36°).

Se poi consideriamo che questi prodotti brucia grassi promettono la perdita di molti chili in pochi giorni, capiamo che l’energia sviluppata sarebbe tale da far aumentare la temperatura corporea di oltre 10 gradi: il termometro arriverebbe a segnare 46° e noi saremmo ovviamente morti.
Ed è esattamente questo che è avvenuto col dinitrofenolo nel primo dopoguerra: il metabolismo di chi era venuto a contatto con la sostanza impazziva, bruciava i grassi e il soggetto dimagriva repentinamente, ma allo stesso tempo la temperatura si innalzava fino ai 43°, causandone la morte.

Quindi ecco perché l’ananas, il cardamomo, il limone, lo zenzero, il vino, il cioccolato, non ci faranno dimagrire, né nessun’altra sostanza o integratore riuscirebbe ad aiutarci a bruciare grassi “a riposo”. E per fortuna! Considerando che l’unica che sarebbe effettivamente in grado di farlo, ci ucciderebbe.
Purtroppo non esiste un rimedio miracoloso alternativo a una dieta sana e una buona dose di attività fisica ed ecco perché chi cerca di propinarci alimenti o, peggio, integratori miracolosi sta facendo alleggerire il nostro portafoglio anziché noi.
A questo punto, per aumentare il metabolismo, meglio una corsa al parco, no?

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 7 votes.
Please wait...