Cozze contaminate da salmonella: è allerta in Italia

Cozze contaminate da salmonella: è allerta in Italia [INFO e DETTAGLI]

E' allerta in Italia per cozze contaminate da salmonella. E' questo il nuovo allarme alimentare che proviene dal Rasff

E’ allerta in Italia per cozze contaminate da salmonella. E’ questo il nuovo allarme alimentare che proviene dal Rasff, il sistema di allerta rapido dell’Unione Europea, che ha pubblicato un avviso sul propio portale.

Le cozze in questione sono cozze refrigerate importate dalla Spagna, ma confezionate in Italia. Si tratta nello specifico di cozze refrigerate importate dalla Spagna, ma confezionate nel nostro paese.

Trattandosi di un prodotto che interessa grande distribuzione, pescherei e mercati, non è possibile venire a conoscenza di quali siano i lotti contaminati. Pertanto il Rasff invita i consumatori alla massima cautela in quanto alcune ricette e piatti tipici prevedono che le cozze vadano consumate crude.

Bisogna inoltre ricordare che le cozze hanno la caratteristica di filtrare tutto ciò che è contenuto nelle acque in cui vivono, pertanto in caso di mari inquinati possono essere contaminate dai batteri. Solo la cottura può quindi evitare brutte sorprese.

Salmonellosi

La salmonellosi fa parte di un gruppo di malattie infettive causate da batteri appartenenti alla famiglia della salmonella (esclusa la Salmonella Typhi, che provoca la febbre tifoide). La salmonellosi si trasmette attraverso l’ingestione di cibi contaminati da questo agente microbico o per contatto diretto con il soggetto portatore.

I sintomi della salmonellosi sono gastroenterite acuta, con diarrea, vomito, febbre, dolori addominali. Il decorso solitamente è grave solo nei neonati, per i quali può essere anche mortale, o per chi presenta un quadro clinico già complesso. Il periodo di incubazione è di 12-48 ore, mentre quello di contagiosità è estremamente variabile (da diversi giorni a parecchie settimane).

 

 

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 3 votes.
Please wait...