Tragedia Emiliano Sala, nuove teorie sulle dinamiche dell’incidente aereo nella Manica: “Il...

Tragedia Emiliano Sala, nuove teorie sulle dinamiche dell’incidente aereo nella Manica: “Il pilota ha avuto un certo controllo dell’aereo”

Sarà difficile determinare cosa abbia portato il Piper Malibu ad inabissarsi nella Manica il 21 gennaio ma intanto emergono nuove teorie sull'incidente

La sera del 21 gennaio scorso Emiliano Sala, calciatore argentino di 28 anni, e David Ibbotson, pilota inglese di 59, stavano sorvolando la Manica diretti a Cardiff quando improvvisamente l’aereo su cui viaggiavano è sparito dai radar. Sarebbe stato ritrovato solo due settimane dopo sul fondale della Manica, 38km a nord di Guernsey, con un corpo intrappolato tra i rottami che nelle ultime ore è stato identificato come quello della giovane stella del calcio.

Ibbotson era al comando dell’aereo monomotore a turbina che stava portando Sala da Nantes, dove era stato per salutare i suoi ex compagni di squadra, a Cardiff, dove il giorno dopo avrebbe dovuto iniziare la sua avventura con la squadra della città. A 20 giorni dal tragico incidente, di Ibbotson non c’è ancora traccia e ora la famiglia ha lanciato una raccolta fondi per far riprendere le ricerche in maniera privata, proprio come fatto dalla famiglia di Sala. Le ricerche ufficiali, infatti, erano state sospese pochi giorni dopo l’incidente a causa delle possibilità “estremamente remote” di trovare i due ancora in vita.

aereo emiliano salaDopo il recupero del corpo del giovane argentino, le avverse condizioni meteo hanno costretto le autorità a sospendere i tentativi di recuperare il relitto dal fondo della Manica. L’Air Accidents Investigations Branch (AAIB) dovrebbe pubblicare una relazione entro un mese ma sarà difficile determinare l’intero accaduto, cosa abbia portato davvero il Piper Malibu ad inabissarsi nella Manica dopo la richiesta di scendere di quota quel 21 gennaio. Anche se gli investigatori riuscissero a recuperare il relitto, è improbabile che l’aereo leggero fosse dotato di una scatola nera, che sarebbe stata una vitale fonte di informazioni, secondo quanto dichiarato da alcuni esperti dell’aviazione britannica.

Nel tentativo di fare un po’ di chiarezza sulle dinamiche dell’incidente, David Learnmount, ex istruttore della Royal Air Force (RAF), l’aeronautica militare del Regno Unito, ha suggerito che il signor Ibbotson aveva un certo controllo dell’aereo quando è precipitato. A The Times ha dichiarato che il relitto non è sparso una vasta area che, sostiene, è ciò che succede normalmente dopo una picchiata incontrollata ad alta velocità. “Nessuno esegue una picchiata in mare sapendo che sta facendo scendere l’aereo in mare. Sollevi il muso dell’aereo. Non è entrato in mare ad alta velocità con il muso verso il basso”, ha dichiarato.

emiliano sala pilotaLa teoria di Learnmount arriva dopo che la famiglia di Sala ha esortato le autorità a continuare le ricerche del pilota: “Vogliamo ringraziarvi per tutte le vostre dimostrazioni di affetto e per il vostro supporto in quello che è il periodo più doloroso delle nostre vite. Vedere il mondo intero mobilitarsi per sostenerci nella nostra ricerca è stato un aiuto infinitamente prezioso. Grazie a voi ora possiamo piangere il nostro figlio, il nostro fratello. I nostri pensieri vanno a David Ibbotson e alla sua famiglia, sperando che le autorità faranno del loro meglio per trovarlo”. Dopo l’identificazione del corpo, la sorella di Sala, Romina, ha scritto sui social un messaggio straziante per lui e il suo allenatore al Nantes lo ha ricordato con bellissime parole.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...