Sanità: la Toscana vara il percorso dedicato alla fibromialgia

Sanità: la Toscana vara il percorso dedicato alla fibromialgia

"La Toscana è la prima regione a fornire risposte concrete a chi soffre di fibromialgia"

“La Toscana è la prima regione a fornire risposte concrete a chi soffre di fibromialgia”. Cosi’ il presidente della commissione sanita’ Stefano Scaramelli (Pd) illustrando in Consiglio regionale la proposta di risoluzione a sostegno del percorso diagnostico, terapeutico assistenziale (Pdta) presentato dall’Organismo toscano di governo clinico. La risoluzione e’ stata poi approvata all’unanimita’ dall’Assemblea toscana.

“Si tratta di un passo avanti importante per affrontare una malattia che non e’ ancora riconosciuta come malattia cronica – ha spiegato Scaramelli -, ma che causa comunque dolori persistenti e diffusi soprattutto nelle donne in eta’ lavorativa”.

Il documento definisce i sintomi, le procedure diagnostiche e terapeutiche, i trattamenti farmacologici e il percorso assistenziale; impegna poi la Regione anche a promuovere lo sviluppo tra le Asl di una rete regionale per la gestione dell’intero percorso assistenziale.

Previsti inoltre formazione e aggiornamento specifico per tutti i soggetti coinvolti nell’assistenza, e la richiesta a Universita’ e al ministero della Salute, di promozione della “sperimentazione e della ricerca scientifica nell’ambito della sindrome fibromialgica”. Per Enrico Sostegni (Pd), membro della commissione sanita’, “Dopo l’approvazione di un percorso di Attivita’ fisica adattata (Afa) per i malati fibromialgici, era necessaria l’individuazione di un percorso diagnostico terapeutico omogeneo a livello regionale”.

Sostegni ha infine ribadito la necessita’ che si crei un registro della malattia e si implementi la ricerca “in modo che nei prossimi anni si possa conoscere sempre meglio questa malattie e affinare le capacita’ di fornire cure efficaci alle pazienti”.

Valuta questo articolo

Rating: 4.0/5. From 5 votes.
Please wait...