Le temperature estreme, alte o basse, possono avere effetti sui farmaci: ecco...

Le temperature estreme, alte o basse, possono avere effetti sui farmaci: ecco quali e in che modo

Gli esperti sostengono che le temperature estreme, che siano estremamente alte o estremamente basse, possono influenzare l’efficacia dei farmaci utilizzati per curare certe condizioni

La maggior parte delle persone è consapevole dei vari effetti che il freddo può avere sulla salute. Tuttavia, gli esperti sostengono che anche le temperature estreme, che siano estremamente alte o estremamente basse, possono influenzare l’efficacia dei farmaci utilizzati per curare certe condizioni. Quanto un farmaco possa essere influenzato dall’esposizione a condizioni molto più calde o molto più fredde di quanto consigliato dai produttori tende a variare a seconda del farmaco stesso, secondo Jeff Pilz, farmacista presso l’Ohio State University Wexner Medical Center.

Sia il freddo estremo che il caldo estremo che vediamo in estate o quando i farmaci vengono consegnati e lasciati dentro un camion, un’auto o in una cassetta della posta, sicuramente possono portare ad un’ulteriore degrado del prodotto da ciò che normalmente vediamo o ad un maggior tasso di degrado oltre a ciò che la data di scadenza del produttore sta tenendo in considerazione. Questo potenzialmente può portare ad una perdita di efficacia o ad un’efficacia ridotta del farmaco”, ha dichiarato Pilz.

I tipi di farmaci che possono essere danneggiati e resi inefficaci se congelati sono quelli che vengono comunemente definiti biologici, ossia grandi molecole prodotte in laboratorio, secondo Craig K. Svensson, farmacista e professore di chimica medicinale e farmacologia molecolare presso la Purdue University College of Pharmacy. “Quando un farmaco biologico come l’insulina è congelato, la complessa struttura del farmaco cambia e può ridurre la sua efficacia. La conseguenza è che il farmaco non controllerà la malattia del paziente; per esempio, un diabetico che utilizza un’insulina inefficace non raggiungerà il desiderato controllo della sua glicemia”, ha spiegato. L’insulina che si è congelata non dovrebbe essere usata, anche dopo lo scioglimento. “L’insulina è una proteina e il congelamento può influenzare la stabilità della proteina, rendendola quindi meno efficace se dovesse congelare”, ha aggiunto il farmacista Jason Reed.

farmaciEffetti simili possono verificarsi anche nei vaccini congelati, secondo Svensson. “I vaccini congelati possono non riuscire a creare l’immunità in un paziente per la malattia per la quale è somministrato il vaccino, ma è altamente improbabile che, se utilizzato, un simile farmaco congelato produca uno specifico effetto collaterale”, ha spiegato Svensson.

Purtroppo non c’è un modo per dire se una fiala di insulina o altri farmaci congelati siano stati abbastanza danneggiati da essere inefficaci. “Se la fiala di qualche farmaco, come l’insulina, è congelata, dovrebbe essere sostituita e i pazienti i cui farmaci sono inaspettatamente congelati dovrebbero contattare il loro farmacista per determinare se è sicuro utilizzarli”, ha avvisato Svensson. “Solitamente se qualcosa sembra danneggiato o sembra non essere ben protetto o se sono andati in vacanza e tornando, trovano che è stato fuori per un esteso periodo di tempo, noi diciamo ai pazienti di contattare il farmacista e di vedere se c’è un problema con l’utilizzo di quel farmaco, soprattutto durante i periodi freddi”, ha aggiunto Pilz. Se si attende la consegna di un farmaco, l’esperto consiglia di assicurarsi che venga portato al chiuso o comunque ad una temperatura sicura il prima possibile.

Con il freddo aumenta la pressione sanguigna: ecco perché e con quali effetti

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...