XXVII Giornata Mondiale del Malato: la Campania si dimostra ancora una volta...

XXVII Giornata Mondiale del Malato: la Campania si dimostra ancora una volta terra di solidarietà

La Giornata Mondiale del Malato è l’occasione per far conoscere ai cittadini le tante eccellenze della solidarietà che percorrono ogni giorno il nostro territorio: la Campania si dimostra ancora una volta terra di solidarietà. Ieri all’Auditorium del Consiglio Regionale è stata celebrata la XXVII Giornata Mondiale del Malato con la premiazione di quanti si sono distinti per l’impegno e la professionalità profuse nella realizzazione di progetti a favore dei malati. Tra gli altri sono stati premiati i dirigenti sanitari, i medici, esponenti del mondo politico e del no profit che hanno promosso servizi a favore delle fasce deboli nella Regione Campania. Anche Papa Francesco, nel suo messaggio in occasione della XXVII Giornata Mondiale del Malato che si svolgerà a Calcutta in India, ha ringraziato tutte le associazioni di volontariato che si occupano di malati affetti da patologie che richiedono cure speciali: «Il volontariato comunica valori, comportamenti e stili di vita che hanno al centro il fermento del donare. È anche così che si realizza l’umanizzazione delle cure».
A consegnare i premi è stata la Presidente del Consiglio della Regione Campania Rosetta D’Amelio, il presidente della V Commissione Sanità Regione Campania Stefano Graziano, la Consigliera Flora Beneduce e il Direttore Generale dell’Associazione House Hospital onlus Sergio Canzanella. «Una giornata – spiega Canzanella – nella quale è giusto ricordare il valore del terzo settore, che nel campo della sanità svolge un ruolo determinante». Il direttore generale di House Hospital ha ricorda che sono più di 1.000 le associazioni impegnate su malattie terribili per garantire sollievo e dignità nella sofferenza. Associazioni che lavorano in silenzio per affermare il valore del principio di solidarietà. «A questi uomini e a queste donne – dice Canzanella – bisogna dire grazie, perché sono loro a dare un grandissimo contributo, anche nel senso dell’umanizzazione delle cure».
«Un momento dopo l’insediamento in Consiglio – dichiara Flora Beneduce – mi sono adoperata perché le istanze delle associazioni, degli enti di volontariato, di tutti coloro che si occupano a vario titolo di solidarietà e dell’aspetto socio-sanitario della vita pubblica campana fossero rappresentate nella massima assemblea legislativa regionale sotto forma di proposte di legge. Testi su cui c’è sempre stata l’intesa tra le forze politiche, indipendentemente dall’appartenenza, ma su cui pesa come un macigno oggi, ad un anno dalla conclusione della consiliatura, il ruolo della burocrazia regionale.»

Premiati Adolfo Gallipoli (Presidente Lega Italiana Lotta Tumori sezione Napoli), Emilia Fiorello (Presidente Associazione Meridionale Donne Operate al Seno), Raffaella Pannuti (Presidente Fondazione A.N.T. onlus), Vincenzo Brescia Morra (Direttore Centro di Riferimento Regionale per la Sclerosi Multipla Università di Napoli Federico II), Armando De Martino (Presidente Associazione Comitato 1 Hospice per Eboli e Amici dell’Ospedale Maria Santissima Addolorata onlus), Imma Pastena (Presidente Associazione Arcobaleno della Vita onlus), Elisa Spagnuolo (Presidente A.I.P.A. onlus), Caterina Musella (Presidente A.I.M.A. Regione Campania), Salvatore Galeone (Presidente Cooperativa Percorsi per Crescere onlus), Massimiliano D’Aiuto (Direttore Scientifico Associazione Underforty onlus), Gaetano D’Onofrio (Direttore Sanitario A.O.U. Federico II), Valeria Rotoli (Presidente A.I.L. sezione Napoli) e Vincenzo Mirone (Presidente Fondazione PRO onlus).

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...