Afghanistan, la super bomba sganciata dagli USA ha ucciso almeno 82 terroristi ISIS. Nessun civile coinvolto

Più di 80 militanti sono stati uccisi in Afghanistan a seguito del lancio della bomba Usa Massive Ordinance Air Blast (MOAB). Lo riporta il New York Times. Giovedi’ aerei militari hanno sganciato la bomba di 22mila chili MOAB, soprannominata la “Madre di tutte le bombe”, nella provincia dell’Afghanistan di Nangarhar. La MOAB e’ la piu’ grande bomba non nucleare nell’arsenale americano. Almeno 82 militanti sono stati uccisi a seguito dello scoppio della bomba, scrive il New York Times citando Attaullah Khogyani, portavoce per l’ufficio del governatore provinciale di Nangarhar. Non ci sono vittime ne’ feriti tra i civili: è stata un’operazione mirata contro il terrorismo. Il costo di una singola MOAB e’ di 16 milioni di dollari.