Alla scoperta della miniera di salgemma di Petralia Soprana [FOTO]

La suggestiva miniera di Petralia Soprana è un tesoro candissimo, tra i giacimenti di sale più ricchi d'Europa. Ecco la sua storia

Siamo a Petralia Soprana, in Frazione Raffo. Proprio qui, in Sicilia, si trova uno dei giacimenti di sale più ricchi d’Europa… un tesoro fatto di bianco candidissimo, prezioso e puro con gallerie che portano, sulle loro pareti, i segni caratteristici lasciati dalla fresa di estrazione, tramite cui il minerale viene staccato dal giacimento per essere poi utilizzato. Le forme circolari di questi segni e l’avvitamento elicoidale della fresa ricamano letteralmente le pareti, donando ad esse un tocco di raffinatezza ed eleganza. Il sale presente nella miniera di salgemma di Petralia Soprana ha una estensione di 2 km² ed uno spessore che raggiunge il valore di 250 m, con un tenore in cloruro di sodio fino al 99,9 %.

PETRALIA 1La miniera di salgemma di Petralia Soprana è un grandissimo deposito di sale, originatosi nel Mesozoico quando, in seguito alla chiusura dello stretto di Gibilterra, il Mediterraneo, non ricevendo più alimentazione, si chiuse e si prosciugò per effetto dell’evaporazione. Durante tale fenomeno il sale andò a depositarsi e a concentrarsi nelle sacche di acqua più profonde, dove, per dilavamento piovano, confluì anche il sale cristallizzatosi nelle zone più alte dei fondali emersi. Tutto il sale presente nel Mediterraneo, prima della chiusura di Gibilterra, si raccolse nelle depressioni più profonde, prosciugando il letto del mare non solo dell’acqua che lo ricopriva ma anche dai minerali che in essa erano disciolti. La completa evaporazione dell’acqua portò così alla formazione dell’halite, o pietra di sale, il cristallo di cloruro di sodio.

PETRALIA 2I vari giacimenti di sale così formatisi vennero poi inghiottiti dai movimenti delle placche tettoniche e furono perciò coinvolti nella formazione delle strutture orografiche. Per raggiungere Petralia Soprana occorre salire sino sa 1147 metri. Tanti i monumenti da visitare: la Chiesa Madre, dedicata ai Santi Pietro e Paolo, che affaccia su piazza Duomo, con campanile dl 15esimo secolo; il portico tardo/rinascimentale, il portale gotico/catalano, la Chiesa di Santa Maria di Loreto; piazza Duomo, attorno alla quale si affacciano diversi edifici medievali.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...