Allerta Meteo Europa, “Apocalisse” di Neve sulle Alpi settentrionali: Austria, Svizzera e Germania sepolte, situazione drammatica [FOTO]

Allerta Meteo, situazione molto critica sulle Alpi settentrionali già sepolte sotto uno spesso strato di neve fresca: le nevicate continueranno anche nei prossimi giorni

Allerta Meteo – Le Alpi settentrionali sono sepolte sotto uno strato spesso di neve fresca; si tratta di diversi metri in alcune località. La situazione è critica in molte aree, con l’estremo pericolo di valanghe che nell’ultima settimana hanno già provocato diverse vittime tra Austria, Svizzera e Germania. E anche nella seconda parte della settimana fino alla prossima, la neve non smetterà di cadere copiosa su queste aree. Vediamo insieme i dettagli per i prossimi giorni.

Il persistente modello sull’Europa mantiene il flusso meridionale di una massa d’aria artica da nord verso sud, con persistenti nevicate per effetto stau. Questa situazione continuerà anche oggi e domani, 10 gennaio, mentre tra venerdì 11 e sabato 12 dovrebbe esserci una breve tregua, con alcune località che non riceveranno neve e altre imbiancate solo da nevicate più moderate. Entro la mattina di venerdì 11 gennaio, sono attesi 40-80cm di neve fresca sulle Alpi settentrionali di Austria, Svizzera e Germania del sud e ulteriori 20-40cm nel corso della giornata. Probabilmente la giornata di sabato 12 gennaio riserverà altri 10-30cm in alcune località, per un totale di 50-120cm di neve fresca entro la mattina di domenica 13 gennaio.

Proprio da domenica 13 a martedì 15 gennaio sarà molto probabile una nuova ondata di intense nevicate. I modelli attualmente indicano quantitativi di neve estremamente elevati, come potete osservare dalla mappe contenute nella gallery a corredo dell’articolo. Tuttavia, mancano ancora 4 giorni e i dettagli delle previsioni potrebbero subire dei cambiamenti. Per questo, MeteoWeb continuerà a pubblicare aggiornamenti sull’evoluzione della situazione, che resta molto pericolosa e potenzialmente letale. Massima precauzione perché il rischio di valanghe è estremo.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...