California, ancora allarme diga Oroville: si lavora per scongiurare un cedimento, chiesto lo stato di emergenza [GALLERY]

Decine di migliaia di persone affronteranno un'altra giornata nei rifugi predisposti o a casa di familiari o amici, mentre gli ingegneri continuano a lavorare per riparare la diga di Oroville

Decine di migliaia di persone affronteranno un’altra giornata nei rifugi predisposti o a casa di familiari o amici, mentre gli ingegneri continuano a lavorare per riparare la diga di Oroville, in California, negli Stati Uniti, prima che una nuova tempesta possa provocare un cedimento. Da domani a domenica infatti sono previste delle nuove perturbazioni nell’area. Domenica sera, circa 188.000 residenti hanno dovuto abbandonare le proprie case e non è chiaro, al momento, quando potranno farvi ritorno. Le autorità hanno reso noto di aver evitato l’immediato pericolo di un cedimento della diga, che avrebbe avuto conseguenze catastrofiche, ma che è necessario lavorare per rimettere in sicurezza la diga, “in modo che le persone possano tornare a casa e vivere al sicuro, senza paura. È molto difficile” ha detto ieri sera il governatore della California, Jerry Brown. Il governatore ha chiesto al presidente Donald Trump di dichiarare lo stato d’emergenza, in modo da sbloccare gli aiuti federali per le comunità colpite.