Ciclone Polare, situazione critica in Sardegna: zone interne sommerse dalla neve, collisione al porto di Olbia [FOTO LIVE]

Ciclone Polare, Sardegna colpita in pieno: tanta neve nelle zone interne fin da quote molto basse, venti impetuosi provocano disagi alle navi intorno l'isola

La Sardegna è colpita in pieno dal Ciclone Polare profondo 981hPa posizionato nel mar Tirreno, in scivolamento verso la Sicilia: come ampiamente previsto, nevica copiosamente nelle zone interne di tutta l’isola sin da quote molto basse. Ozieri (390 metri) e Macomer (560 metri) tra le località collinari più colpite con accumuli superiori ai 15cm di neve. A Fonni le scuole rimarranno chiuse anche domani. Anche Nuoro è sotto la neve. Pesanti i disagi e le criticità nelle zone interne dell’isola. Sono in corso servizi sulle principali strade del Nuorese e Ogliastra per fornire assistenza agli automobilisti. Le autorità consigliano di non mettersi in viaggio se non in caso di estrema necessità e di viaggiare con catene da neve o pneumatici invernali. La neve è scesa anche su passo Tascusì e sull’altopiano di Campeda, nel Sassarese, in corrispondenza della strada statale 131. Anche in Gallura, in particolare ad Alà dei sardi, è caduta la neve. Suggestive le immagini dei Nuraghe imbiancati. Neve anche su Tempio Pausania. .

Con le persistenti nevicate tra Nuorese e Sassarese arrivano i primi problemi sulle strade sarde. In particolare sulla statale 131 “Carlo Felice”, che collega Cagliari a Sassari, all’altezza di Campeda. Intorno alle 11 la Prefettura, l’Anas e la Polizia Stradale hanno deciso di deviare il traffico pesante in transito verso Sassari in due punti: il primo all’altezza di Abbasanta, con deviazione sulla 131 Dcn in direzione nord verso Nuoro e Olbia, e il secondo all’altezza di Ploaghe sulla statale 729 Sassari-Olbia direzione sud. Una misura preventiva con la quale si cerca di evitare che camion e pullman blocchino il tratto piu’ critico di Campeda, quello che va da Birori fino al bivio di Bonorva.

Il forte vento di maestrale che sta sferzando il nord Sardegna con raffiche superiori ai 130km/h ha fatto saltare quattro corse della mattina nella tratta tra Santa Teresa di Gallura e Bonifacio, servita dalla Moby. Si tratta delle corse delle 7 e delle 11 dalla Sardegna verso la Corsica e quelle delle 8.30 e delle 13 in arrivo nel porto sardo. Ritardi per il maltempo sono stati registrati sulla tratta Genova-Porto Torres: il traghetto Janas e’ partito piu’ tardi dal porto ligure per evitare il mare in burrasca. Moby fa sapere che tutti i passeggeri erano stati avvisati prima della partenza.

Le avverse condizioni meteo-marine stanno impedendo l’attracco al traghetto Janas della Moby, partito con qualche ora di ritardo da Genova per Porto Torres per evitare il mare in burrasca. La nave e’ ferma in rada davanti allo scalo del nord Sardegna e finora non e’ stato possibile farla ormeggiare con sicurezza alle banchine. La compagnia fa sapere che tutti i passeggeri sono stati rifocillati e informati delle cause del disagio. Nel frattempo, a causa del perdurare del forte vento e del mare in burrasca sulle Bocche di Bonifacio, sono state sospese anche le corse della sera (17 e 18.30) tra Santa Teresa di Gallura e Bonifacio e viceversa.

Sempre a causa del forte vento, nel porto di Olbia sono entrate in collisione due navi, una Grimaldi e una Tirrenia.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...