Cortina d’Ampezzo: alla scoperta della regina delle Dolomiti [GALLERY]

Ritenuta la regina delle Dolomiti, Cortina d’Ampezzo è la meta invernale più frequentata da chi è alla ricerca di un luogo esclusivo in cui trascorrere la settimana bianca. Ecco cosa offre ai suoi numerosi visitatori

Situata nella parte settentrionale della provincia di Belluno, Cortina d’Ampezzo è la meta invernale più frequentata dal jet set e da coloro che sono alla ricerca di un luogo esclusivo in cui trascorrere la settimana bianca… non è raro, difatti, incontrare personaggi dello spettacolo che si aggirano tra le boutique o nei locali notturni della cittadina. Il titolo di regina delle Dolomiti non si ottiene per caso e Cortina d’Ampezzo è una vera e propria perla incastonata in uno degli scenari montani più suggestivi d’Italia. Essa deve gran parte della sua fama alle sue piste da sci e ai suoi impianti di risalita, moderni e funzionali, che caratterizzano la Conca d’Ampezzo. Come noto fa parte del complesso Dolomiti Superski e presenta piste di diversa difficoltà per la discesa e il fondo, oltre ad uno snowpark per tutti gli amanti dello snowboard, principianti o esperti. Cosa visitare? La piazzetta San Francesco, su cui si trova l’ufficio delle informazioni turistiche, la basilica dei SS. Filippo e Giacomo, con dipinti raffiguranti il martirio di San Giacomo, il martirio di San Filippo e l’espulsione dei mercanti dal tempio, il campanile, visibile da ogni punro della valle, la chiesa della Madonna della Difesa, la Chiesa di San Nicolò e la Chiesetta di San Francesco. Se invece siete amanti della storia, potete visitare il Forte Tre Sassi, fatto costruire a fine Ottocento dagli austro-ungarici sul passo Valparola per respingere un’eventuale avanzata del Regio Esercito Italiano. Restaurato tra il 2007 e il 2008 è attualmente sede del Museo della Grande Guerra. Altra costruzione militare è il seicentesco castello di Zanna, situato in località Majon, che ha la particolarità di avere, su quella che dovrebbe essere la facciata principale, una piccola cappella dedicata alla Santissima Trinità. Da non perdere il Museo Paleontologico R. Zardini, il Museo Etnologico delle Regole d’Ampezzo e lo Stadio Olimpico del Ghiaccio che offre una pista di pattinaggio sul ghiaccio, un solarium, un bar e un parco giochi per i piccoli.