Frattura Vecchia: viaggio in un borgo fantasma ricco di storia [GALLERY]

Situato in provincia dell’Aquila, Frattura Vecchia è un borgo fantasma in cui silenzio e vegetazione hanno preso il sopravvento. Ecco la sua storia

Siamo a Frattura Vecchia, una frazione del comune di Scanno, in provincia dell’Aquila. Parliamo di un borgo fantasma nel quale, nel 1956, vennero girate alcune scene del film “Uomini e lupi” con Silvana Mangano e Yves Montand. Si tratta di un luogo in cui la vegetazione ed il silenzio hanno preso completamente il sopravvendo, dando vita a un posto maliconico e, al tempo stesso, suggestivo. Situato vicino alle Gole del Sagittario questo borgo,nel cuore dell’Abruzzo, vanta una storia molto forte. Era il 13 gennao 1945 quando venne colpito da un terremoto che fece tremare la terra all’alba. Persero la vita 160 persone, principalmente donne e bambini, dato che gli uomini si erano trasferiti negli Stati uniti con la speranza di trovar la miglior sorte. In questo luogo il tempo pare essersi fermato, offrendo ai visitatori vicoli deserti, case silenzione con, all’interno, ancora i pentoloni utilizzati e lasciati in tutta fretta immediatamente dopo la tragedia. Nessuno vi è tornato a viverci mentre tra il 1932 e il 1936, poco distante, fu costruita Frattura Nuova. Ma perché si chiama così? Il nome è legato alla spaccatura che si generò durante un terremoto in epoca preistorica, dal Monte Genzana che,sbarrando il fiume Sagittario, generò l’attuale lago a forma di cuore di Scanno.