Norvegia: aperto l’Hålogaland Bridge, il ponte sospeso più lungo del Circolo Polare Artico con i suoi 1.533m immersi nella natura [FOTO]

Attraversando le profonde acque del Rombaksfjorden, un fiordo pittoresco nella municipalità di Narvik, nel nord della Norvegia, l’Hålogaland Bridge è situato oltre 1.000km a nord della capitale Oslo, circondato da montagne dalle cime innevate

Pensate all’iconico Golden Gate Bridge di San Francisco, al Sydney Harbour Bridge o al romantico Charles Bridge di Praga, in Repubblica Ceca. Sono tutti edifici simbolo della loro località. Alla lista si unisce anche il nuovo Hålogaland Bridge, in Norvegia, esempio perfetto di uno dei principi su cui sono d’accordo la maggior parte degli architetti e degli ingegneri: i ponti devono essere funzionali, sicuri e resistenti, ma dovrebbero essere anche belli ed eleganti.

In una stretta collaborazione con architetti danesi e con lo studio di architettura Dissing+Weitiling, l’azienda COWI ha fatto dell’aggiunta di un tocco scandinavo il tratto distintivo del suo incredibile portfolio di progetti di ponti internazionali, come lo Stonecutters Bridge di Hong Kong, il Great Belt Link in Danimarca e ora l’Hålogaland Bridge in Norvegia. Tutti sono stati progettati in collaborazione con Dissing+Weitiling.

Attraversando le profonde acque del Rombaksfjorden, un fiordo pittoresco nella municipalità di Narvik, nel nord della Norvegia, l’Hålogaland Bridge è situato oltre 1.000km a nord della capitale Oslo, circondato da montagne dalle cime innevate. È un’area immersa nella bellezza della natura e conosciuta per le condizioni meteo avverse, i forti venti e gli inverni lunghi e bui. È anche il luogo in cui si è svolta la famigerata Battaglia di Narvik durante le prime fasi della II Guerra Mondiale e dove ogni giorno arrivano centinaia di tonnellate di roccia estratta dalle miniere svedesi al confine e trasportate da particolari supertreni, guidati da alcune delle locomotive più forti del mondo.

L’Hålogaland Bridge (Hålogalandsbrua in norvegese) è attualmente il 22° ponte sospeso più lungo del mondo. 179 metri sopra il livello del mare, il ponte si mimetizza con il panorama delle montagne e la vicina vetta della Sleeping Queen. Rinominato “il ponte più bello del mondo” dai residenti locali e dagli appassionati di ingegneria, la struttura ha una campata principale di 1.145 metri e rappresenta il secondo ponte sospeso più lungo della Norvegia. Tutto l’anno, decine di grandi navi cargo sono ancorate e sparse nel fiordo, dove attendono pazientemente di salpare verso luoghi lontani.

Con lo scopo di creare un’icona in questo paesaggio già iconico, gli architetti e gli ingegneri hanno optato per un approccio più soft, “camuffando” il ponte nello sfondo. “Il ponte si trova in un paesaggio splendido e spettacolare e per questo motivo, il nostro obiettivo è stato progettare il ponte nel rispetto dell’ambiente naturale. I blocchi sono “incassati” nelle colline e le uniche parti visibili sono i grandi coni di cemento che ricevono  le funi”, ha spiegato l’architetto  Poul Ove Jensen, di Dissing+Weitiling.

Con una lunghezza totale di 1.533 metri, l’Hålogaland è il ponte sospeso più lungo del Circolo Polare Artico e rappresenta una significativa scorciatoia sulla rotta europea E6, principale strada nord-sud attraverso la Norvegia e la costa occidentale della Svezia, riducendo la distanza tra Narvik e Bjerkvik di 18 km. Il progetto, costato oltre 300 milioni di euro, è stato finanziato con fondi statali e la compartecipazione del Comune di Narvik.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...