Madeira, l’isola portoghese che ha dato i natali a Cristiano Ronaldo: alla scoperta del paradiso naturalistico dell’oceano Atlantico [GALLERY]

Madeira non è proprio la destinazione per le classiche vacanze in spiaggia, ma è la perfetta meta per viaggi avventurosi e un’eccellente destinazione culinaria

Un clima primaverile tutto l’anno. Le montagne che emergono dal profondo blu dell’oceano. Frutti esotici, prodotti ittici e vini superlativi. Madeira, perla portoghese nell’Atlantico, sembra essere l’isola che ha tutto. A meno di 4 ore di volo da Londra o Parigi, l’isola è stata meta popolare tra i più adulti ma ora i voli low cost stanno diversificando questa destinazione circa 480 km a ovest del Marocco, sempre più apprezzata dai giovani.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’isola, famosa per aver dato i natali alla stella del calcio mondiale Cristiano Ronaldo, ora più che mai al centro dell’attenzione del mondo del pallone.

Per dirla in parole povere, Madeira non è proprio la destinazione per le classiche vacanze in spiaggia. Anche se è lunga 56 km e ampia 20, con 160 km di costa, è tutta roccia e scogliere. È un’isola montagnosa: la vetta più alta misura 1.862 metri. È la perfetta meta per viaggi avventurosi. A São Vicente, nel nord dell’isola, si può visitare una bellissima chiesa del XVII secolo prima di recarsi in una delle spiagge per praticare surf con le onde migliori d’Europa. Se il surf non fa per voi, potrete sempre ammirare la spettacolare vista dalle scogliere e visitare le grotte di São Vicente, create da un canale sotterraneo di lava di un’eruzione di circa 400.000 anni fa.

Scalate la montagna Pico do Ariero o fate semplicemente il tour in bus e immergetevi nel meraviglioso ambiente della vetta della montagna: potrete camminare tra le nuvole e godervi i drink del ristorante in cima alla montagna.

A Madeira, le piscine di lava nera di Port Moniz sono a 50 minuti di distanza dalla capitale Funchal grazie ad un rete di autostrade e tunnel che portano al cuore roccioso dell’isola. L’incontro tra le onde dell’Atlantico e alcune eruzioni vulcaniche preistoriche ha formato anelli di roccia lavica lungo il fronte mare, che sono stati trasformati nelle piscine più strane e più belle del mondo. Oltre 3.700 m² di piscine di acqua salata calma e limpida, separata dalle furiose acque dell’oceano.

Uno dei modi migliori per vedere Funchal è dalle cabine di una funivia che vi porterà al Giardino Botanico o al Monte Palace. Anche se non è vostra intenzione visitare il giardino, vale comunque la pena tentare, perché poi avrete l’opportunità di provare un modo unico per scendere a valle, in toboga. Ogni toboga ha due “conducenti” chiamati “Carreiros”, che indossano un cappello di paglia, pantaloni bianchi e scarpe speciali che permettono loro di mantenere la trazione. I muscoli delle loro gambe, che richiamano quelli dei calciatori, consentono loro di correre, sgambettare e indirizzare le slitte lungo la strada piena di curve per un viaggio fino a valle mozzafiato.

Madeira è anche un’eccellente destinazione culinaria grazie ai suoi frutti esotici e alla disponibilità di prodotti ittici. Il Mercado dos Lavradores offre una selezione del miglior cibo locale. Oltre al mercato del pesce e ai prodotti locali, si può trovare anche un negozio in cui una donna essicca le foglie di alloro di Madeira, altra grande specialità dell’isola.

Uno dei piatti simbolo dell’isola prende il nome di “espetada”: carne bovina, foglie di alloro e aglio infilzati in uno spiedino e grigliati. Per le migliori espetadas, visitare Vila da Carne nel villaggio di Camera do Lobos. Il Gallo d’Oro è, invece, l’unico ristorante di tutta l’isola valutato con le stelle Michelin: i loro piatti sono un’esperienza da non perdere.

Se andate a Madeira non berrete solo vino, ma Poncha. Si tratta di drink alcolico fatto con acquavite di zucchero (un alcol distillato derivato dal succo di canna da zucchero), miele, zucchero, scorza e succo di limone. Il sapore è dolce e non ha un forte gusto alcolico. Per l’esperienza più autentica, visitare la Taberna de Poncha, un piccolo pub a circa 20 minuti da Funchal. I pavimenti sono ricoperti di gusci di noccioline e le pareti dai biglietti da visita lasciati dai viaggiatori di tutto il mondo.

L’isola non poteva che omaggiare il suo grande campione. In onore di Cristiano Ronaldo, Madeira ha eretto una statua di bronzo nella via verso il porto e nel 2013 ha aperto il CR7 Museum che mostra le maglie e altri souvenir dell’attaccante 33enne con la forma fisica di un ventenne che da anni domina la scena mondiale. Nel 2016, l’attaccante ha aperto il Pestana CR7 Hotel, in una joint-venture con Pestana, gruppo alberghiero di Madeira: l’hotel dà ai suoi ospiti un assaggio dello stile di vita del calciatore, con circuiti fitness personalizzati, Jacuzzi all’aperto e una spettacolare piscina con vista sul porto di Funchal.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...