Le dune del Sahara ricoperte da 40cm di neve: ecco le immagini dell’incredibile nevicata di Ain Sefra in Algeria [GALLERY]

Ain Sefra si trova a circa 1.000 metri sul livello del mare ed è circondata dalle Atlas Mountains. Nonostante la sua altitudine, è estremamente raro vedere la neve nella città che è la "porta" del Deserto del Sahara in Algeria

Ecco le incredibili immagini che mostrano Ain Sefra, una città nel deserto del Sahara, in Algeria, circondata da 40 cm di neve inaspettata. È la terza volta che le dune rosse della città sono state imbiancate dalla neve in 38 anni. Lo scorso gennaio un metro di neve ha coperto il deserto più caldo del mondo, spargendo fiocchi nel dicembre 2016. In quel caso, la neve ha creato caos nella città, con i passeggeri rimasti bloccati sugli autobus a causa delle strade divenute ghiacciate e scivolose. I bambini facevano pupazzi di neve e addirittura slittavano sulle dune. In precedenza, la neve non si vedeva ad Ain Sefra dal 18 febbraio del 1979, quando c’è stata una nevicata di soli 30 minuti.

Ora la neve è cominciata a cadere nelle prime ore di domenica, accumulandosi sulla sabbia. Mentre la città presentava solo 3-5 cm di neve, le dune in periferia ne erano interamente coperte. I residenti, che in estate sopportano temperature di 37° C, erano stupiti dalla neve densa che era caduta sulla città, conosciuta come “la porta del deserto”. Il fotografo Karim Bouchetata, che ha immortalato le immagini, ha dichiarato che la neve ha resistito per tutta la giornata di domenica e ha cominciato a sciogliersi intorno alle 5 del pomeriggio. Ain Sefra si trova a circa 1.000 metri sul livello del mare ed è circondata dalle Atlas Mountains. Nonostante la sua altitudine, è estremamente raro vedere la neve nella città. La temperatura a gennaio normalmente va dai 6 ai 12 gradi C, con una temperatura minima media di -0.3° C.

Il fenomeno raro è stato causato dall’aria fredda che “è stata spinta verso sud nel Nord Africa durante il weekend a causa dell’alta pressione sull’Europa. Alta pressione significa che il tempo freddo si è esteso verso sud oltre il normale”, secondo le dichiarazioni di un portavoce di Met Office, il servizio meteorologico nazionale del Regno Unito. Le correnti di aria fredda sono destinate a rimanere per diversi giorni.

Siamo una ‘porta sul deserto’, qui si trovano laghi, foreste, dune, pini marittimi e neve tutto nello stesso posto, questa e’ la nostra bellezza” ha scritto in un commento online un cittadino di Ain Sefra. Il nome della cittadina in arabo vuol dire “sorgente gialla”. Anche per i residenti, perlopiù berberi, le precipitazioni di quest’anno sono comunque straordinarie: una quantità di neve simile era stata misurata solo tre volte negli ultimi 38 anni.

Il deserto del Sahara copre la maggior parte del Nord Africa ed ha attraversato cambiamenti di temperatura e umidità nel corso degli ultimi centomila anni. Nonostante il Sahara sia molto secco oggi, si prevede che tornerà ad essere verde in circa 15.000 anni.