L’uragano Ophelia si dirige verso l’Europa: previsti “allagamenti e danni sia alle cose che alle persone” [MAPPE]

L’uragano Ophelia avanza inesorabilmente verso l’Europa: in particolare dovrebbero finire nella sua traiettoria Irlanda ed Inghilterra, mettendo in pericolo sia cose che persone. La climatologa Marina Baldi dell’Ibimet-Cnr ritiene sia questa l’ipotesi più probabile al momento, “se l’intensita’ e la direzione dell’uragano saranno confermate“. “Ora si trova a sudovest delle Azzorre, in pieno Oceano Atlantico. La velocita’ e’ abbastanza modesta, 6 km/h, ma i venti che porta con se’, pari a 140 km/h, sono abbastanza sostenuti“. Essendo Inghilterra e Irlanda “abbastanza bassi rispetto al livello del mare” si temono venti forti, precipitazioni intense e onde anomale: ecco perché “sono da prevedere allagamenti e danni sia alle cose che alle persone“. Per quel che riguarda Europa mediterranea, Ophelia si avvicinerà sabato sera a Spagna e Portogallo, senza rappresentare però una minaccia.

Anche in passato l’Europa ha temuto gli effetti di uragani: “I casi piu’ recenti sono quelli dell’Uragano Bertha, che nel 2014 provoco’ danni in Irlanda, Inghilterra e nel Nord della Francia, mentre nel 2011 fu la volta di un’altra Ophelia che colpi’ l’Europa Occidentale“. Nel 2006 “ci fu Gordon, che sfioro’ le coste dell’Inghilterra. Ricordiamo poi diversi casi sulle coste della Francia negli anni ’80. In Scozia nel ’66 poi ci furono delle tempeste tropicali“.

Ophelia è al momento un uragano di 1ª categoria in una scala da 1 a 5, e, ricorda l’esperta, “si è formato nella stessa area dell’Oceano Atlantico tropicale dove hanno avuto origine i devastanti Irna, Maria ed Harvey, di categoria 5, che erano accompagnati da venti oltre i 200 km/h. Al momento Ophelia si trova a Sud-Ovest delle Azzorre, in pieno Oceano Atlantico, e si sta muovendo in direzione nordest“.