Maltempo, bomba d’acqua travolge l’Alto Adige: frane e treno bloccato in Val Pusteria, recuperati 5 dispersi [GALLERY]

Violenti temporali hanno interessato l'Alto Adige nelle scorse ore, che hanno innescato a loro volta una impressionante serie di frane, allagamenti e smottamenti

Non accenna a migliorare la situazione meteo in Alto Adige: precipitazioni record si sono verificate nella tarda serata e durante la notte e la pioggia sta continuando ad abbattersi sulla zona incessantemente. La situazione più preoccupante è nella zona del lago di Braies. Una frana vicino alla discarica “Col Madalet” ha imposto la chiusura della strada della Badia tra La Villa e Corvara.

Un furioso temporale si è abbattuto nella notte in Alto Adige ed in particolare in Val Pusteria: si sta lavorando per riaprire al più presto la statale nel tratto Dobbiaco-San Candido interrotta a causa di una frana di fango e pietre che ha invaso la sede stradale.

Violenti temporali hanno interessato la provincia di Bolzano nelle scorse ore, che hanno innescato a loro volta una impressionante serie di frane, allagamenti e smottamenti. Duramente colpite la Val Pusteria, la Val Passiria, la Val Sarentino, la Val d’Isarco e le vicine vallate dolomitiche, interessando anche la statale di Alemagna tra Dobbiaco e Cortina e la Misurina Cortina.

Una violenta bomba d’acqua ha colpito la val di Braies: nei pressi di Valdaora una frana ha anche travolto alcune autovetture. Non si segnalano vittime ma solo ingenti danni. In val di Braies 350 utenze sono rimaste senza energia elettrica. Anche la Val di Fosse, una laterale della Val Senales nel meranese, è rimasta isolata per alcune ore.

Il temporali notturni sono purtroppo abbastanza frequenti nella zona dolomitica e piu’ in generale lungo l’intera area alpina.

A Braies salvata una contadina

val pusteria alto adige3I Vigili del Fuoco hanno salvato in Val di Braies una donna rimasta bloccata in casa a Ferrara: il suo maso era stato raggiunto da una colata di fango. A Ponticello, sempre in Val di Braies, si sono abbattute diverse frane anche in poca distanza di un albergo pieno di turisti. L’accesso all’albergo “Brueckele” e’ rimasto bloccato per alcune ore. Solo in mattinata la strada verso l’albergo a tre stelle e’ stata liberata dai detriti. A Braies e’ stata inondata anche la caserma dei Vigili del Fuoco che hanno fatto fatica a tirare fuori i propri mezzi necessari per gli interventi. Sono stati soccorsi da altri Corpi di pompieri della zona. Sul posto nella notte anche il 4° reggimento aviazione dell’esercito Altair di Bolzano con un elicottero dotato di apparati per la visione notturna. Sono stati segnalati interventi dopo il forte temporale anche in Val Badia, Val Passiria, Val Sarentino e Val d’Isarco.

Frane e treno bloccato in Val Pusteria

val pusteria alto adigeI forti temporali, le intense piogge e le grandinate hanno causato nella notte notevoli danni in Alta Val Pusteria sopratutto nella zona di Braies e Dobbiaco: fortunatamente non si sarebbero feriti. Un treno regionale diretto a San Candido è rimasto bloccato per la caduta di una frana a Valdaora: 80 passeggeri a bordo sono stati raggiunti e tras portati nei punti di assistenza allestiti nelle stazioni di Valdaora e Monguelfo.

Il rio Braies uscito dall’alveo ha inondato alcune case e abitazioni della zona: alcune autovetture parcheggiate sono state trascinate. In brevissimo tempo sono caduti 100 mm di pioggia.

A Ponticello si sono abbattute diverse frane a poca distanza dall’albergo Brückele. La strada di accesso allo stesso albergo è stata liberata dalle frane verso le ore 3 di mattina.

Circa 80 gli interventi da parte dei diversi Corpi dei Vigili del Fuoco della zona con oltre 200 soccorritori sul posto.

Presso la casa della cultura di Braies e’ stato allestito un punto di assistenza per la popolazione e da dove vengono coordinate le operazioni. Le informazioni e le richieste di intervento sono state coordinate dal Centro Situazioni Provinciale a Bolzano.

Trenitalia, linea ancora interrotta

La circolazione ferroviaria rimane sospesa sulla linea Fortezza – San Candido, fra le stazioni di Valdaora e Villabassa per una caduta alberi sulla linea e fra San Candido e Dobbiaco per una frana: lo comunica Trenitalia che spiega nella nota che i tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ristabilire la regolare circolazione. Le operazioni di ripristino, spiega la nota, sono rese difficoltose dal perdurare del maltempo e dall’esondazione del Rio Braies che ha reso impraticabili anche le strade di accesso alla linea ferroviaria. Sono terminati nel frattempo gli interventi di rimozione degli alberi tra Valdaora e Villabassa. Una stima precisa dei tempi necessari per la riattivazione del tratto San Candido – Dobbiaco sara’ invece possibile solo nel tardo pomeriggio. Tra San Candido e Dobbiaco e’ stato attivato un servizio sostitutivo con bus.

Interviene l’Esercito, recuperate 5 persone disperse

Anche l’Esercito è intervenuto in Val Pusteria nelle operazioni di primo soccorso dopo il violento temporale notturno che ha colpito la zona delle Alpi nord/orientali e provocato nella scorsa notte frane ed esondazioni. Alle operazioni di soccorso ha preso parte il 4^ reggimento Aviazione dell’Esercito “Altair”, che gia’ nella serata di ieri, intorno alle 22, era stato allertato dal Commissariato del Governo della Provincia di Bolzano per intervenire in zona Braies – Ponticello a seguito dell’esondazione di un torrente che ha provocato delle frane che hanno interrotto la viabilita’ ordinaria e messo a rischio molte strutture e abitazioni nella zona. Il 4^ “Altair” ha quindi impiegato l’assetto di pronto intervento, un elicottero AB205 predisposto H24 che grazie alla capacita’ di volo notturno degli equipaggi mediante ausilio dei visori NVG ha trasportato una squadra di soccorritori dei vigili del fuoco nella zona di operazioni presso l’albergo Ponticello. Sul posto, la direzione dei soccorsi ha poi richiesto un successivo intervento dell’elicottero per la ricerca di 5 persone disperse in localita’ Prato Piazza che, una volta individuate, sono state con recuperate e trasportate a Dobbiaco a causa del peggioramento delle condizioni meteorologiche nella zona. L’intervento si e’ concluso poco prima delle 4 con il rientro dell’elicottero militare alla base di Bolzano.