Maltempo Sicilia, pediatra disperso a Corleone: il primario racconta le sue ultime ore [FOTO]

"Un pediatra eccellente sia dal punto di vista professionale che umano. Lo stimano tutti per la gentile, cortesia e la professionalità e l'impegno"

“Un pediatra eccellente sia dal punto di vista professionale che umano. Lo stimano tutti per la gentile, cortesia e la professionalità e l’impegno. Giuseppe fino a febbraio con incarichi temporanei per dieci anni ha lavorato all’ospedale dei Bambini, poi da febbraio ha deciso per la stabilizzazione all’ospedale di Corleone“. Lo dice Domenico Cipolla primario delle unita’ di neonatologia dell’Asp di Palermo commentando la scomparsa, a causa del Maltempo, del medico Giuseppe Liotta lungo la starda che da Ficuzza porta a Corleone che stava percorrendo per raggiungere l’ospedale corleonese.

“La collega che era di guardia sarebbe rimasta anche la notte – aggiunge il primario – La collega glielo aveva detto: non e’ il caso di andare al lavoro. Alle 18 quando e’ partito da Palermo non c’era la pioggia. La bomba d’acqua e’ caduta alle 19,30. A meta’ strada ha fatto una seconda telefonata. E la collega ha ribadito che c’era brutto tempo. Giuseppe e’ rimasto bloccato insieme ad altre auto. Se non fosse andato al lavoro son sarebbe successo nulla. Non ci sono sanzioni disciplinari. E’ un normale rapporto tra colleghi l’importante che ci sia continuita’ territoriale. Il suo senso del dovere lo ha portato da sfidare le intemperie. Secondo una prima ricostruzione e’ uscito dalla strada statale avrebbe preso una strada secondaria dove c’era un fiume. Forse preso dal panico e’ uscito dall’auto e una massa di fango lo avrebbe travolto”.

”Giuseppe – continua – e’ un pediatra fantastico. Ha una moglie anche lei pediatra e due bimbi. Siamo tutti costernati da quanto e’ successo io sono qui a Corleone. Faccio la spola dal luogo delle ricerche e l’ospedale per sostenere i ragazzi che lavorano con lui che sono distrutti da quanto avvenuto. Al momento sono venti i medici che da Palermo vengono tutti i giorni al lavoro all’ospedale di Corleone. Ho potuto constatare di persona la difficolta’ dei collegamenti. Ho scritto una mail al commissario dell’Asp Antonio Candela, so che lui ha segnalato la grave situazione viaria a chi di competenza”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...