In Piemonte, alla scoperta del fiabesco lago delle Fate [GALLERY]

Il lago delle Fate, in Val Quarazza, Piemonte, regala ai visitatori scenari da sogno, tra storia e leggenda. Ecco cosa riserva

La Val Quarazza è una vallata laterale della Valle Anzasca, nota, in particolare per il suo suggestivo lago delle Fate, situato a pochi chilometri da Macugnana, cittadina in provincia di Verbania, in Piemonte. Caratterizzato da acqua blu e verde smeraldo, il bacino artificiale, non balneabile, è stato costruito dall’uomo attraverso lo sbarramento del torrente Quarazza, usato da imprese minerarie della zona per produrre energia elettrica. Oggi alla funzione pratica si unisce quella turistica, pertanto è una delle mete più gettonate dalle famiglie di tutta Italia e non solo. Fra le fronde degli alberi che lo circondano potreste incontrae nani intarsiati in legno. Qui, infatti, la leggenda vuole che dei piccoli ometti laboriosi, i Gut Viarghini, raccolgano pietre nelle viscere della terra mentre le fate, al chiaro di luna, camminino sullo specchio d’acqua. Muniti di scarpe da trekking, di un bastone per attraversare i passi ripidi ed una fotocamera per immortalare questi scenari incantevoli, mistici, potrete iniziare il vostro viaggio da Borca di Macugnagna, passando per la Miniera d’oro della Guia, località Fornelli e Crocette, “la città morta” o “città fantasma”; un tempo villaggio di minatori, abbandonao, preservato negli anni dagli enti locali a fini turistici. In questa zona della Valle si inerpicano strade e sentieri che portano all’Ale La Pissa e, tra larici e cespugli di mirtilli, alla suggestiva Cascata della Pissa, una cascata a strapiombo che scroscia, con tutto il suo potente splendore, dalla montagna.