I Pirati danno l’Oscar alla Miglior location 2018: vincono i grattacieli di ‘The Post’

Le location dei grandi film rappresentano una grande fonte d'ispirazione per molti amanti del viaggio

Le location dei grandi film rappresentano una grande fonte d’ispirazione per molti amanti del viaggio. PiratinViaggio, la più grande social travel community del mondo, vi guida attraverso gli Oscar 2018 nella categoria più ambita, quella di Miglior Film, nella quale ha trionfato “La forma dell’acqua” del messicano Guillermo del Toro. Ambientato a Baltimora in Maryland (Usa), il film è stato girato in Canada, tra Toronto e Hamilton in Ontario.

Storie incredibilmente diverse tra loro, divise tra realtà, storia e mondi magici: ciò che le accomuna è la scelta di location straordinarie. Che siano i grattacieli di “The Post” o il fascino bucolico di “Chiamami col tuo nome”, lasciatevi trasportare dalla settima arte nel vostro prossimo viaggio.

Location da Oscar: il sondaggio

PiratinViaggio ha chiesto ad un campione dei suoi utenti quale location ispirata dai film candidati agli Oscar vorrebbero visitare. Il 37% ha espresso la propria preferenza per la New York di “The Post”, mentre un quarto volerebbe in Canada, nella Toronto de “La forma dell’acqua” (25%). Poco meno del 10% opterebbe invece per Lythe e la campagna inglese de “Il filo nascosto”.

Il fascino del Vecchio Continente

Mentre “Il filo nascosto” si snoda tra il glamour della capitale inglese e il fascino della costa del North Yorkshire, “L’ora più buia” si apre tra i palazzi londinesi per poi spostarsi, nell’epilogo, sulla costa settentrionale francese, a Calais. E’ il porto francese di Dunkerque a costituire l’ambientazione principale del colossal “Dunkirk”, ma non solo: le riprese si sono svolte anche sulla spiaggia di Malo-les Bains in Francia, nel Dorset, sulla Jurassic Coast e al porto di Weymouth in Inghilterra. Tra le location di “Dunkirk” più amate da pubblico, la città marittima di Urk nei Paesi Bassi.

Stati Uniti coast to coast

Si parte da Washington e New York con “The Post”. Per un perfetto viaggio on the road, la fermata successiva è nel cuore degli Stati Uniti: la campagna del Midwest di “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”. La perfetta alternativa è ripiegare verso sud, direzione Carolina del Nord, dove sono state fatte le riprese. Da qui si scende fino all’Alabama (già sogno di tanti dai tempi di “Forrest Gump”), per la pellicola più dark tra le candidate, “Get out – Scappa”. Infine, la California, ma la parte meno conosciuta. La protagonista di “Lady Bird” vive a Sacramento ma la detesta e sogna, come tanti viaggiatori, la verve intellettuale di New York.

L’Italia s’è desta!

Gli italiani ce l’hanno sotto gli occhi tutti i giorni, ma l’Italia è un gioiello che i registi amano ritrarre. Luca Guadagnino ambienta il suo “Chiamami col tuo nome” tra la campagna lombarda vicino a Crema, il lago di Garda e le alpi bergamasche, luoghi che contribuiscono notevolemente al fascino poetico del film.

Viaggi e storia del cinema

Tra i film che più hanno ispirato la community di PiratinViaggio a fare le valigie “Il Signore degli anelli”, girato nei paesaggi assolati della Nuova Zelanda; “La mia Africa”, che conquista per l’ottima rappresentazione del Kenya degli anni della Grande Guerra; “La la land”, in cui Los Angeles e i suoi scorci meno noti sono dipinti come il luogo ideale in cui realizzare i propri sogni. Un posto d’onore è riservato anche all’italianissimo “La grande bellezza”, con la sua Roma dai tratti felliniani.

Non solo Oscar

Ma non è solo l’Academy ad ispirare i viaggiatori. Sono tantissimi i film ad influenzare l’immaginario comune. Diciannove anni fa, Hugh Grant e Julia Roberts s’innamoravano a Notting Hill e tutto il mondo ha desiderato aggirarsi tra le bancarelle di questocaratteristico quartiere londinese. Per non parlare della Grande Mela: le pellicole di Woody Allen hanno conquistato il pubblico con la loro ambientazione newyorchese.

Il Trono di Spade, record di location

In un sondaggio svolto da PiratinViaggio su 2.430 utenti, molti hanno dichiarato di aver tratto ispirazione da serie-tv. Un notevole contributo a rendere Manhattan la location dei sogni è stato dato dalla serie cult “Sex & the city”: dal Village alla Quinta Strada, da Park Avenue a Wall Street, ogni episodio è un omaggio alla metropoli statunitense. Per non parlare di uno dei più grandi successi degli ultimi anni: la community di PiratinViaggio si dice fortemente ispirata da “Il trono di spade” (“Game of thrones”), girato tra l’Andalusia, il Marocco, l’Islanda, la Croazia, l’Irlanda del Nord, Malta e la Scozia.