Previsioni Meteo, preoccupazione per Venerdì 28 Settembre: la sfuriata fredda può innescare un violento Ciclone sul mar Jonio [MAPPE e DETTAGLI]

Previsioni Meteo, ultima settimana di Settembre col botto sull'Italia: sfuriata fredda dai Balcani tra oggi e Mercoledì, potrebbe innescare un violento ciclone sul mar Jonio tra Giovedì 27, Venerdì 28 e Sabato 29. Tutte le mappe e i dettagli

Previsioni Meteo – Sta iniziando in queste ore sull’Italia la prima tempesta autunnale della stagione: ad Ancona la temperatura è crollata a +17°C in pieno giorno, a Pescara abbiamo al momento +19°C dopo che stamattina la colonnina di mercurio registrava +28°C, e impetuosi venti di bora e grecale soffiano da Nord/Est su tutte le Regioni Adriatiche centro/settentrionali, dai litorali all’entroterra, con raffiche di 97km/h a Fano, 95km/h a Eraclea, 81km/h a Bellaria-Igea Marina e Porto Corsini, 79km/h a Marina di Ravenna, 77km/h a Rosolina, 72km/h a Trieste, 66km/h a Porto Sant’Elpidio, 64km/h a Bologna. E’ solo l’inizio di una violenta sfuriata fredda e perturbata che domani, Martedì 25 Settembre, si estenderà a tutt’Italia. Per tutti i dettagli è possibile consultare l’apposito bollettino meteo.

E’ molto interessante la tendenza per la seconda parte della settimana, che è direttamente collegata a quest’ondata d’aria fredda già in atto sulle Regioni Adriatiche centro/settentrionali. Infatti quest’affondo freddo arriverà nel Mediterraneo centro/orientale, tra l’Italia e la Grecia, nella giornata di Mercoledì 26 Settembre, per poi esaurirsi verso oriente. Intanto l’Anticiclone spingerà poderoso sull’Europa centrale, portando a metà settimana massimi di alta pressione vicini ai 1040hPa nell’area alpina e mittel-Europea, lasciando un vuoto proprio in area Mediterranea. Lo scorrimento di masse d’aria così fredde su un Mediterraneo caldissimo (proprio lo Jonio, tra Italia e Grecia, è il bacino più caldo di tutto il “Mare Nostrum” con temperature delle acque superficiali superiori ai +28°C!) potrebbero determinare la formazione di un pericolosissimo Ciclone Mediterraneo, ben più potente rispetto a quello che la scorsa settimana ha colpito il Sud Italia e poi soprattutto la Tunisia dove ha lasciato una scia di morte e distruzione nel governatorato settentrionale di Nabeul.

Stavolta il Ciclone, che potrebbe diventare un “Medicane”, si potrebbe materializzare proprio sul mar Jonio, con un picco massimo Venerdì 28 Settembre al largo di Calabria e Sicilia. I modelli odierni, e in modo particolare l’europeo ECMWF, evidenziano il rischio di una situazione così estrema, come si può evincere dalle mappe che pubblichiamo nella gallery a corredo dell’articolo. Nei prossimi aggiornamenti di MeteoWeb pubblicheremo ogni novità rispetto a uno scenario così preoccupante. Intanto ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: