Previsioni Meteo Gennaio, conferme sullo stratwarming: da giovedì 10 freddo e neve in quasi tutta Europa [MAPPE]

Previsioni Meteo, dal 10 al 20 Gennaio gran parte dell’Europa tenderà verso condizioni molto più fredde della media a causa della divisione del vortice polare: i dettagli

Previsioni Meteo – Mentre l’Europa è attualmente sotto gli effetti di una forte dorsale nordatlantica e di un’irruzione d’aria artica sul Mediterraneo, con temperature glaciali anche in Italia, e sulla Penisola Balcanica, le tendenze indicano che questo modello dovrebbe persistere per un’altra settimana. Nel frattempo, il freddo si diffonderà anche verso la Penisola Iberica e il Mediterraneo occidentale. La dorsale si sposterà verso l’area artica e permetterà al freddo di raggiungere anche l’Europa occidentale, che attualmente si trova sotto gli effetti di un insolito caldo.

Dando uno sguardo alle mappe della stratosfera presenti nella gallery a corredo dell’articolo, possiamo osservare un’impressionante divisione del vortice polare nel corso del weekend: da notare la forte dorsale sull’area artica e due vortici ben definiti (uno sul Canada orientale e l’altro, più grande, sull’Europa). La mappa relativa al 9 gennaio mostra che la dorsale rimane quasi nella stessa posizione, mentre il vortice sull’Europa si espande e quello sul Canada si indebolisce. In estrema sintesi, questo significa che le medie latitudini sono attese da un lungo periodo di condizioni fredde e dinamiche, che si estenderanno per diverse settimane quando gli effetti si propagheranno nella troposfera.

La mappa dell’anomalia termica nella stratosfera indica entrambi i vortici con temperature più fredde sull’Europa e sul Nord America, mentre la temperatura della stratosfera sopra la Russia sarà di oltre 50°C superiore alla norma, un dato davvero significativo. In generale, una forte dorsale dominerà ancora l’area artica, mentre i resti del vortice polare si saranno spostati sulle medie latitudini. Dal 10 al 20 gennaio, gran parte dell’Europa tenderà verso condizioni molto più fredde della media. Dal 10 al 15 gennaio, in particolare, il freddo sarà concentrato sull’Europa centro-meridionale e sudoccidentale ma dal 16 al 20 gennaio si diffonderà anche sull’Europa occidentale, mentre la dorsale nordatlantica si rafforzerà sull’area artica, determinando lo spostamento di depressioni verso ovest.

Il periodo intorno alla metà di gennaio sarà, dunque, quello in cui vedremo i primi effetti della divisione del vortice polare. Tra il 10 e il 20 gennaio avremo anche la possibilità di nevicate in Europa, come dimostrato dalle mappe GEFS contenute nella gallery in alto: le probabilità maggiori interessano l’Europa centrale e nordorientale.

Per quanto riguarda i prossimi 5 giorni, invece, quindi fino al 10 gennaio, la situazione resterà simile a quella attuale: condizioni più fredde sull’Europa orientale e più calde sulla metà occidentale. Condizioni molto più calde attese, invece, sul Nord Europa con il rafforzamento della dorsale sull’area artica.

MeteoWeb continuerà a pubblicare aggiornamenti sull’evoluzione della situazione nei prossimi giorni.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...