Previsioni Meteo: Pasquetta rovinata dal maltempo sulle Adriatiche e al Sud, domani inizia l’ondata di freddo [MAPPE]

Pasquetta di maltempo con instabilità diffusa sulle Adriatiche e al Sud, domani inizia l'ondata di freddo che riporterà la neve in settimana

L’Italia sta vivendo una Pasquetta condizionata dal maltempo su gran parte del territorio nazionale, e in modo particolare sulle Regioni Adriatiche e al Sud. Ma anche al Nord, nonostante il cielo in prevalenza sereno, le temperature sono molto più basse rispetto ai valori eccezionalmente miti dei giorni scorsi. Infatti in pieno giorno e con il sole alto in cielo, abbiamo +11°C a Trieste, Como, Biella, Alessandria e Udine, +12°C a Milano, Bergamo, Novara, Lodi, Pavia, Piacenza e Varese, +13°C a Torino, Bologna, Ravenna, Trento, Treviso, Pordenone, Merano e Parma, +14°C a Venezia, Padova, Verona, Modena, Ferrara e Mantova.

Clima molto fresco anche lungo la fascia Adriatica, dove il cielo è coperto e sono in atto piogge anche intense. Abbiamo +13°C a Pescara, Brindisi, Vasto, Vieste e San Benedetto del Tronto, +14°C a Bari, Lecce, Taranto, Foggia, Termoli e Ancona. Sull’Appennino, +9°C a Campobasso e Potenza, +11°C a L’Aquila.

Clima decisamente più mite lungo la fascia tirrenica con +17°C a Roma, Napoli e Firenze e soprattutto +18°C a Genova, che insieme a Palermo, Catania e Cagliari è al momento la città più calda d’Italia, senza gli eccessi caldi delle ultime settimane.

I temporali che ieri sera hanno colpito l’alto Adriatico, dopo il tornado del pomeriggio di Pasqua a Venezia, sono scivolati nella notte lungo le Regioni centrali Adriatiche e la pioggia è arrivata fin in Puglia. Accumuli compresi tra 15 e 40mm un po’ ovunque tra Romagna, Marche, Abruzzo, Molise. Adesso nel corso della giornata di Pasquetta avremo ancora annuvolamenti e instabilità residua, con qualche precipitazione, tra Puglia, Calabria e Sicilia nord/orientale (messinese). Possibile qualche debole temporale pomeridiano al confine tra Lazio e Abruzzo, mentre al Nord/Est avremo forti temporali sulle aree alpine e prealpine di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Attenzione nelle zone oltre il confine: sulle Alpi, tra Svizzera e Austria, si verificheranno fenomeni intensi con autentiche tormente di neve.

Insomma, Lunedì di Pasquetta rovinato dal maltempo su molte zone dell’Italia e dei Paesi limitrofi, ma attenzione perchè quest’instabilità è soltanto un piccolo assagio di quanto accadrà nei prossimi giorni. Già domani, Martedì 18 Aprile, subito dopo Pasquetta (esattamente come annunciato da ormai oltre una settimana, ad ulteriore testimonianza dell’eccezionale affidabilità delle previsioni meteo anche a lungo termine!), inizierà l’ondata di gelo e neve che caratterizzerà tutta la settimana. Un vero e proprio colpo di coda dell’inverno che sull’Italia si farà sentire, appunto, già da domani con temperature in picchiata specie nel pomeriggio/sera, su tutte le Regioni del Centro/Nord e soprattutto lungo la fascia Adriatica, dove avremo forte maltempo e nevicate sui rilievi appenninici (eloquenti le mappe nella gallery a corredo dell’articolo). Poi dopodomani, Mercoledì 19 Aprile, il freddo si estenderà anche al Centro/Sud (ma non in Calabria e Sicilia, che saranno raggiunte dal fronte freddo soltanto nella notte successiva e che torneranno a battere i denti come in pieno inverno soltanto da Giovedì 20 Aprile).

Quest’ondata di freddo sarà molto intensa per il periodo, e si prolungherà in tutto il Paese fino a Venerdì 21 Aprile, con una “coda” fredda al Sud anche nella giornata di Sabato 22. Ecco le pagine utili per seguire la situazione meteo in tempo reale: