Siccità in Germania, i fiumi scendono a livelli record: strage di pesci e molluschi mentre affiorano bombe della II Guerra Mondiale e banchi di sabbia [FOTO]

Il Reno, il Danubio, il Weser, il Meno e l’Elba hanno tutti raggiunto livelli molto preoccupanti con importanti conseguenze sul traffico navale e non solo

La siccità in atto in tutta la Germania ha fatto sì che i fiumi scendessero a livelli incredibilmente bassi, creando seri problemi per il traffico navale, bloccato quando ordigni militari inesplosi della II Guerra Mondiale sono riaffiorati in superficie. Il Reno, il Danubio, il Weser, il Meno e l’Elba hanno tutti raggiunto livelli molto preoccupanti.

Il Reno, in particolare, ha raggiunto i suoi livelli più bassi in diversi punti. A Magdeburgo, l’Elba è sceso ad una profondità di 50 cm e per un normale traffico navale è necessario almeno il doppio di questo livello. A nessuna nave che trasporti beni è consentito navigare l’Elba da Lipsia fino alla Repubblica Ceca. Con le minori quantità di petrolio trasportato sul fiume, il governo tedesco ha sbloccato le risorse di benzina, diesel e carboturbi per la 4ª volta in 40 anni.  Il traffico navale non è stato bloccato sul Reno, ma le compagnie stanno gestendo più imbarcazioni per compensare il fatto di dover trasportare meno peso.

Tutta questa situazione ha portato ad una aumento dei prezzi di trasporto e di conseguenza un aumento del prezzo dei carburanti e dell’olio combustibile. I bassi livelli dei fiumi hanno sterminato anche pesci e molluschi d’acqua dolce, mentre l’industria agricola nazionale sta facendo i conti con la scarsità di foraggio. Numerosi oggetti sono stati scoperti dall’abbassamento dei fiumi. Sul Reno sono apparsi banchi di sabbia che non si erano mai visti nella storia moderna, come potete vedere dalle immagini contenute nella gallery a corredo dell’articolo. Una bomba americana lanciata durante la II Guerra Mondiale è comparsa lungo il fiume vicino alla città di Neuwied.

L’alta pressione che ha dominato sulla Germania negli ultimi mesi è responsabile anche della scarsità di precipitazioni, secondo Alan Reppert, meteorologo di AccuWeather. “Dall’estate all’inizio dell’autunno, un persistente sistema di alta pressione ha frequentemente impedito alle tempeste di portare pioggia in Germania. Con la siccità, le temperature sono state ben al di sopra della media”, ha spiegato. Magdeburgo ha ricevuto solo il 40% delle sue precipitazioni normali dal mese di giugno ad oggi. Per Berlino e Francoforte queste percentuali sono rispettivamente del 37% e del 28%.

I due giorni di furioso maltempo in Italia del 29 e 30 ottobre hanno portato pioggia nel Baden-Wurttemberg e nella Baviera, ma il resto del Paese ha ricevuto comunque poche, se non addirittura zero, piogge. Fino al weekend prevarranno ancora condizioni asciutte sullo stato tedesco. “Un autunno più asciutto del normale su gran parte della Germania lascerà il posto ad un modello più attivo, che dovrebbe durare per gran parte del prossimo inverno”, ha spiegato Eric Leister, meteorologo di AccuWeather.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...