Stelle cadenti: da stasera lo spettacolo delle Leonidi, ecco come ammirarle al meglio

Stelle cadenti: da stasera il picco dello sciame delle Leonidi, grande spettacolo in cielo. Tutti i consigli utili per l'osservazione

Nuova pioggia di stelle cadenti nel cielo di novembre: tra oggi, 16 novembre, e il 18 novembre, come ogni anno, si verificherà la massima attività dello sciame delle Leonidi, prodotto dai residui della cometa Tempel-Tuttle, una cometa periodica del Sistema Solare, appartenente alla famiglia cometaria della cometa di Halley. Prende il nome dai due scopritori, Ernst Wilhelm Tempel e Horace Parnell Tuttle.

Il passaggio al perielio della cometa è avvenuto ormai da 18 anni (28 febbraio 1998), ma le Leonidi non hanno mai smesso di affascinare: per potere osservare uno spettacolo grandioso bisognerà attendere almeno fino al 2031 (anno del nuovo perielio, che avverrà precisamente il 20 maggio). Sfortunatamente, lo spettacolo della Superluna da record dei giorni scorsi influirà negativamente sull’evento astronomico: la luminosità del nostro satellite e la vicinanza al radiante ridurranno di molto la possibilità di vederle.

STELLE CADENTI 2Il radiante situato nella “falce” del Leone è normalmente attivo dal 14 al 21 novembre, ma il picco è previsto nella notte tra il 16 e il 17 novembre. Di conseguenza, da oggi e per i prossimi giorni, occhi puntati a est in direzione della costellazione del Leone, da cui sembrerà provenire la pioggia di meteore (si consiglia l’osservazione intorno alle 5 del 17, quando il radiante posto nei pressi di Algieba, gamma Leonis, sarà ben alto sull’orizzonte est-sudest. Si tenga inoltre presente che il tempo per l’osservazione in concomitanza del picco sarà molto breve in quanto le luci del mattino saranno “invadenti” già intorno alle 05:30).

Chi vorrà tentare comunque l’osservazione potrà quindi confidare più che nella quantità, nella possibilità di assistere almeno a un bolide eccezionale.