Scoperto il segreto del tardigrado, l’animale “immortale” dalle sembianze aliene: è un gene che potrà diventare molto utile anche per l’uomo

Microscopici animali invertebrati dall’aspetto alieno, i tardigradi, custodiscono il segreto per sopravvivere in condizioni ambientali estreme. Si tratta di un gene che fa da ‘scudo’ al Dna, proteggendolo da eventuali danni: introdotto nelle cellule umane coltivate in provetta, riesce perfino a renderle piu’ resistenti ai raggi X. Lo hanno scoperto i biologi dell’Universita’ di Tokyo, che pubblicano i risultati del loro studio su Nature Communications. Questo effetto protettivo potrebbe esser sfruttato in futuro per aiutare i malati di tumore sottoposti a radioterapia, cosi’ come i lavoratori a rischio nelle centrali nucleari. Il gene potrebbe essere perfino inserito nelle piante per renderne possibile la coltivazione in ambienti ostili, ad esempio su Marte. La resistenza ai raggi X, secondo i ricercatori, e’ un ‘superpotere’ che i tardigradi avrebbero acquisito per caso nel corso dell’evoluzione, nel tentativo di adattarsi alle condizioni di disidratazione estrema. Questi curiosi animali acquatici, infatti, sono dei veri e propri ‘Rambo’ della biologia: nonostante le loro buffe sembianze e la lenta camminata (da cui il soprannome di ‘orsi d’acqua’), hanno la capacita’ di sopravvivere per anni in condizioni di totale disidratazione. Esperimenti precedenti hanno dimostrato che possono perfino resistere per giorni nello spazio, e possono rianimarsi dopo 30 anni di ibernazione sotto i ghiacci antartici. Per svelare i loro segreti, i biologi dell’Universita’ di Tokyo hanno mappato il genoma di una particolare specie di tardigrado, chiamata Ramazzottius varieornatus, nota per essere estremamente tollerante alle condizioni di stress. E’ stato cosi’ identificato il gene che codifica per una proteina (chiamata Dsup) che e’ capace di difendere il Dna dai danni causati dalla disidratazione e dalle radiazioni. Inserito nelle cellule umane coltivate in laboratorio, questo gene ha ridotto del 40% i danni generati nel Dna dai raggi X.