Temperature estreme in Australia per l’ondata di caldo più forte dal 1939: +46-49°C ogni giorno fino a metà della prossima settimana [MAPPE]

Un caldo soffocante sta colpendo la costa orientale da martedì 15 gennaio in quella che è l'ondata di caldo più forte sull'Australia dal 1939

L’estrema ondata di caldo in corso su un’ampia zona dell’Australia dovrebbe continuare fino a metà della prossima settimana, con le temperature pomeridiane che raggiungeranno i +46-49°C ogni giorno! Le mappe meteorologiche dell’Australia, infatti, sono diventate nere in alcune località mentre il Paese rimane nella morsa dell’ondata di caldo più estrema dalla II Guerra Mondiale. Un caldo soffocante sta colpendo la costa orientale da martedì 15 gennaio, con le temperature che nel Nuovo Galles del Sud hanno superato i +41°C per la maggior parte della settimana.

In un duro e crudo promemoria visivo della sua gravità, le mappe meteorologiche mostrano gran parte del Paese segnata dai colori nero, grigio e rosso, che indicano temperature alle stelle, come potete vedere nelle mappe contenute nella gallery in alto. Sulla base delle mappe a 850hPa, si attende la prosecuzione di questa estrema ondata di caldo con localmente oltre 10-14°C in più rispetto alla media. Questo spingerà le temperature pomeridiane ancora ben oltre i +45°C, probabilmente ancora a +48-49°C come successo nei giorni scorsi. Domani, 20 gennaio, l’ondata di caldo sarà più intensa sul centro dell’Australia, diffondendosi sulle parti meridionali e sudoccidentali fino alla metà della prossima settimana e raggiungendo il sud-est nella seconda metà, quando le parti sudoccidentali dello stato finalmente avranno un po’ di tregua dalle condizioni roventi. L’anomalia generale, tuttavia, indica che l’intera Australia sentirà gli effetti di condizioni molto molto calde.

Port Augusta, nel sud dell’Australia, sarà ancora tra le località più calde sulla Terra raggiungendo +46°C. Per Adelaide sono previsti +40°C. Gli abitanti di Sydney potrebbero avvertire un certo sollievo in questo weekend, ma il caldo ritornerà già da lunedì 21 gennaio. La città ha registrato temperature di oltre +40°C per 5 giorni per la prima volta in 8 anni. Nel corso della settimana, invece, potrebbe avere temperature intorno ai +30°C, mentre Melbourne dovrebbe raggiungere i +34°C. Perth, invece, dovrebbe avere condizioni migliori, con le temperature che si aggireranno tra i +25-30°C.

L’estrema ondata di caldo ha causato la morte di animali, incendi e un aumento dei ricoveri in ospedale. Le autorità in diversi stati hanno emesso allerte per la salute, esortando le persone a non uscire e a ridurre al minimo l’attività fisica, con le preoccupazioni maggiori che ovviamente coinvolgono anziani, malati cronici e bambini. Sono state riportate morie di massa di pipistrelli e si ritiene che siano morti circa un milione di pesci lungo le rive dei fiumi, mentre i frutteti perivano al caldo. Migliaia di persone si sono riversate sulle spiagge del Paese nel tentativo di sfuggire al caldo soffocante degli ultimi giorni. Le condizioni si sono rivelate esagerate anche per la rete stradale. In molte strade del Nuovo Galles del Sud, infatti, il bitume ha iniziato a sciogliersi sotto il sole cocente. Secondo una dichiarazione del Roads and Maritime Service, nonostante la siccità del Nuovo Galles del Sud, è stato necessario utilizzare l’acqua sul bitume “per assicurare la sicurezza degli automobilisti”. Anche i parco giochi sono diventati estremamente pericolosi per i bambini, con le parti in metallo letteralmente incandescenti.

I meteorologi sostengono che l’ondata di caldo ha infranto molti record in oltre 10 località australiane, soprattutto dell’entroterra. Tra i più importanti citiamo i +49°C di Tarcoola del 15 gennaio e i +48,9°C di Port Augusta. L’ultima volta che l’Australia ha vissuto un’ondata di caldo come questa era nel 1939. “Analizzando la media delle massime nel Nuovo Galles del Sud, è probabile che sia l’ondata di caldo più importante dal 1939”, ha dichiarato un portavoce del Bureau of Meteorology. La scorsa settimana, le autorità hanno confermato che il 2018 e il 2017 sono stati rispettivamente il e anno più caldo mai registrato per l’Australia. Una relazione del Bureau of Meteorology sostiene che i cambiamenti climatici abbiano portato un aumento degli eventi di caldo estremo. Anche se le temperature globali venissero contenute secondo il limite previsto nell’Accordo di Parigi di un aumento di 2°C rispetto ai livelli preindustriali, gli esperti ritengono che il Paese andrà incontro ad una nuova e pericolosa normalità.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...