Raffica di tempeste su Regno Unito e Irlanda: i resti dell’uragano Florence portano ancora pioggia e forti venti nel weekend [MAPPE]

La bassa pressione che porterà con sé l’umidità persistente dell’ex uragano Florence potrebbe diventare la terza tempesta di vento della stagione in Europa

Dopo Alì e Bronagh, il Regno Unito e l’Irlanda si preparano per un’altra possibile tempesta di vento nel weekend. Le Isole Britanniche sono già state colpite da due tempeste in questa settimana e prima dello scadere di 7 giorni, una terza potrebbe ricevere un nome (il prossimo nella lista è Callum). Una bassa pressione in rafforzamento e in movimento sull’Oceano Atlantico alla fine di questa settimana porterà con sé l’umidità persistente dell’ex uragano Florence, che ha flagellato parti degli Stati Uniti orientali con precipitazioni storiche e alluvioni letali. Questa bassa pressione bloccherà questa umidità e la porterà sulle Isole Britanniche nel weekend. Potrebbe acquisire potenza a sufficienza per diventare la terza tempesta di vento della stagione a cui è stato assegnato un nome.

La pioggia dovrebbe spostarsi prima sull’Irlanda meridionale, il Galles e l’Inghilterra sudoccidentale a partire dalla mattina di domani, sabato 22 settembre, prima che la maggior parte di Inghilterra e Irlanda siano travolte dalla pioggia entro le ore serali della stessa giornata. “Il peggio della tempesta sembra arrivare nella notte di sabato”, spiega Dave Houk, meteorologo di AccuWeather. Diffuse precipitazioni di 25-50 mm sono attese sulle Isole fino a domenica 23.

Considerata la rotta attuale della tempesta, le piogge più intense potrebbero cadere sull’Irlanda meridionale, il Galles e l’Inghilterra centrale. Tuttavia, se la tempesta dovesse spostarsi più a nord, verrebbero colpite anche parti dell’Irlanda del Nord e della Scozia meridionale. Mentre il sistema si muoverà sulle Isole, un’altra preoccupazione sarà rappresentata dal vento. “Venti di burrasca di 65-80 km/h sono attesi su tutto il Regno Unito e l’Irlanda”, ha affermato Houk. Alcune località potrebbero essere sferzate da venti di 120 km/h. Anche se l’area più colpita dipenderà dalla rotta della tempesta, le coste sopravvento e le località più elevate saranno più vulnerabili.

Le piogge e i venti delle recenti tempeste hanno indebolito alberi e strutture e il terreno bagnato potrebbero favorire la caduta degli alberi. Possibili anche blackout sporadici. Molti stanno cercando di recuperare dalla prima tempesta della stagione, che ha lasciato alcune comunità ancora senza energia elettrica.

Il Regno Unito è coperto da una serie di allerte per il maltempo dei prossimi giorni. Milioni di persone sono in stand-by per le possibili interruzioni del traffico, della corrente elettrica e dei segnali per i cellulari per i forti venti che potrebbero procurare feriti o addirittura vittime. I venti saranno abbastanza forti da danneggiare gli edifici e costringere alla chiusura di ponti e strade, con la minaccia che si estende anche ai servizi via mare e aria.