Terremoto, il futuro non crolla: il messaggio dell’Università di Camerino ai suoi studenti

L'Università di Camerino, prestigioso ed antichissimo Ateneo fondato nel 1336, ha mandato un messaggio di coraggio ai suoi seimila studenti: "il futuro non crolla". A Camerino è presente anche una prestigiosa sezione di Geologia

“Il nostro territorio ha subito un durissimo colpo. La nostra priorità è ovviamente la salute e l’incolumità degli studenti: per precauzione stiamo effettuando i sopralluoghi in tutte le strutture universitarie e quanto prima cercheremo di darvi notizie. Forza, ce la facciamo, insieme, tutti insieme, ricominciamo. Il futuro non crolla”. Con questa breve nota, inviata attraverso Facebook e Twitter ed altri canali, l’Università di Camerino ha voluto mandare ieri sera un messaggio di speranza e coraggio ai suoi studenti. Per farlo ha lanciato anche l’hashtag #ilfuturononcrolla, che centinaia di persone stanno usando per esprimere la propria vicinanza alle popolazioni colpite.

L’Università di Camerino ha informato poco fa che sono terminati i sopralluoghi presso aule e laboratori dell’Ateneo e che non sono stati riscontrati danni alle apparecchiature. Questa mattina è avvenuto anche l’incontro fra il presidente del consiglio regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo e il rettore e il pro rettore vicario.

750 studenti che solitamente dormono nei collegi universitari di Camerino hanno dormito la scorsa notte in strutture rese disponibili dai comuni limitrofi, compreso Urbino.

L’Università di Camerino è un prestigioso ed antichissimo Ateneo, fondato nel 1336. Attualmente la UNICAM è suddivisa in cinque scuole, ed è frequentata da oltre seimila studenti.  E’ presente anche una sezione di Geologia, una delle più prestigiose d’Italia. Da questa Università provengono molti studi scientifici che hanno permesso di approfondire le conoscenze sulla geologia dell’Italia: gli Studi Geologici Camerti sono l’esempio più importante, un punto di riferimento per ricercatori e studenti del settore.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...