Terremoto Lazio e Abruzzo, paura nella Marsica: risentimento sismico del 5° grado Mercalli, scuole e palestre aperte per chi non vuole dormire a casa in una notte polare [LIVE]

Terremoto, scossa di magnitudo 4.1 nella serata di Capodanno nella Marsica: tanta paura, gente passa la notte fuori casa nei comuni più vicini all'epicentro

Paura e gente in strada ma nessun danno per il terremoto di magnitudo 4.1, nella Marsica, in Abruzzo. A distanza di pochi giorni, dopo il sisma di Catania dello scorso 26 dicembre, la terra trema ancora ma stavolta l’epicentro e’ a Collelongo, a una cinquantina di chilometri dall’Aquila. La scossa e’ stata registrata dall’Ingv alle 19.37 ad una profondita’ di 17 chilometri. A quest’ultima ne sono seguite altre due di entita’ molto inferiore (0.9 e 1.4). Nei comuni più vicini all’epicentro la scossa sismica ha raggiunto il 5° grado della scala Mercalli. Il servizio dell’INGV “Hai Sentito il Terremoto” ha ricevuto migliaia di segnalazioni, in modo particolare dai Comuni di Roma, Avezzano, Sora, Latina, Frosinone, L’Aquila, Alatri, Tivoli, Veroli e Chieti.

A peggiorare la situazione delle persone scese in strada anche il freddo, con temperature sotto lo zero. Il terremoto e’ avvenuto nella zona della piana del Fucino, vicino alla localita’ di villeggiatura di Villavallelonga ed e’ stato avvertito anche in tutta la Valle di Roveto e nel Sorano, nell’alto Lazio, ma anche a Roma e nell’area metropolitana. “E’ stata una scossa molto forte, per fortuna non si rilevano danni a persone o cose. Ma c’e’ molta paura e, non potendo escludere nuove scosse, abbiamo aperto il Coc e messo a disposizione delle persone che vogliano dormire fuori casa, il plesso scolastico e il bocciodromo che sono in sicurezza“, ha spiegato Rossana Salucci, sindaco di Collelongo, comune marsicano che conta circa 1.200 abitanti. Nel paese c’è gente in strada: in piazza giovani, bambini e anziani, i bar sono aperti e, a quanto pare, durante il Terremoto non sarebbe caduta a terra neanche una tazzina. Ma la paura deve essere stata tanta visto che si sono notate molte macchine, oltre 20, che scendevano dal paese per allontanarsi: potrebbero essere i numerosi residenti a Roma o ad Avezzano che si erano recati in paese per le feste e che hanno deciso di rientrare anticipatamente a casa. Anche ad Avezzano le persone si sono riversate nelle strade. Dopo le prime verifiche della Sala Situazione Italia, la Protezione civile ha fatto sapere che “non risultano al momento danni a persone o cose“. Un dato confermato anche dai vigili del fuoco. Ma la paura e’ stata forte: “La scossa e’ stata violenta e lunga, ma a quanto pare non ha fatto danni – raccontano all’ANSA due coniugi alle porte del paese – siamo usciti di corsa da casa per precipitarci qui, al capannone per vedere se era tutto a posto e sembra cosi’, ma la paura e’ stata violenta”. A Collelongo fa freddissimo, -4, cielo stellato, tutte le luci delle case sembrano accese. La Marsica e’ una delle zone con piu’ alto rischio sismico. Oltre cento anni fa, il 13 gennaio 1915 un terremoto di magnitudo ben piu’ alta, di 7.0, provoco’ oltre 30mila morti segnando una della piu’ grandi catastrofi del nostro Paese.

Sono attualmente in corso verifiche tecniche sulle linee interessate dalla scossa sismica registrata in Abruzzo. La circolazione ferroviaria sulle linee Roma – Avezzano – Sulmona – Pescara, Avezzano – Roccasecca, Sulmona – L’Aquila e’ pertanto sospesa per i necessari controlli da parte dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane). Nessun treno e’ fermo in linea.

Non ci sono danni nei viadotti delle autostrade laziali ed abruzzesi A24 e A25 dopo la scossa di terremoto della serata: sono queste le risultanze delle verifiche effettuate dagli ausiliari del traffico della concessionaria Strada dei Parchi. Lo fanno sapere fonti della Spa del gruppo dell’imprenditore abruzzese Carlo Toto. In particolare, i controlli piu’ approfonditi sono stati riservati nelle infrastrutture autostradali di Avezzano, Celano e Pescina, i tratti piu’ prossimi al comune marsicano. “Quei tratti tra l’altro – fa sapere ancora Strada dei Parchi – sono stati oggetto nel giugno scorso di interventi anti-scalinamento, una operazione che complessivamente e’ costata 172 milioni di euro”. Strada dei Parchi non ha ancora a disposizione i 192 milioni di euro inseriti nel decreto Genova finalizzati alla messa in sicurezza sismica dei viadotti delle due autostrade: lavori sono stati avviati in 8 dei 13 viadotti in condizioni peggiori con fondi della societa’. In un post su Facebook la societa’ concessionaria sottolinea comunque che le due autostrade sono aperte e che le verifiche sotto i viadotti continuano e ci saranno nuovi aggiornamenti.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...