Tragedia in discoteca a Corinaldo: 7 in codice rosso, sono in pericolo di vita [FOTO]

Una vera tragedia quella che si è consumata nella discoteca 'Lanterna azzurra' di Corinaldo, affollata di giovani che erano in attesa del concerto del rapper Sfera Ebbasta

“Abbiamo attivato subito il Piano di emergenza e l’Unita’ di crisi, intervenuta per tutta la notte. Alle ore 7 erano pervenuti 7 codici rossi, due ragazze e 5 ragazzi tra i 14 e i 20 anni per trauma cranico o toracico tutti ricoverati in rianimazione. Una ragazza in codice giallo ancora in valutazione clinica. Tre ragazze e un ragazzo tra i 14 e 23 anni sono in codice verde con traumi degli arti di cui uno poco dopo dimesso. I 7 in codice rosso sono da considerarsi in pericolo di vita ma in condizioni stabili”. Lo hanno detto i medici dell’ospedale di Ancona sulla discoteca.

Una vera tragedia quella che si è consumata nella discoteca ‘Lanterna azzurra’ di Corinaldo, affollata di giovani che erano in attesa del concerto del rapper Sfera Ebbasta: sei persone sono morte e oltre un centinaio ferite, di cui 8 in modo molto grave.

Complessivamente sono arrivate in ospedale ad Ancona 15 persone. Un altro ragazzo e’ arrivato successivamente in ospedale da Senigallia: e’ al pronto soccorso e al piu’ presto sara’ portato nel reparto piu’ adeguato alle sue condizioni, hanno aggiunto il dottor Roberto Papa coordinatore direzione medica di emergenza e il professor Abele Donati. Dei codici verdi tutti, tranne uno, sono stati dimessi.

Una ragazza in codice giallo e’ in osservazione e lo rimarra’ presumibilmente per tutta la giornata. Il ragazzo da Senigallia dovra’ fare ulteriori accertamenti e sicuramente rimarra’ in osservazione. Verso le 10,30 e’ arrivata un’altra ragazza in codice verde che e’ in fase di valutazione. Il pronto soccorso ora e’ pienamente operativo e non ci sono criticita’.

“Le persone decedute sono a disposizione dell’autorita’ giudiziaria per gli accertamenti, sul posto abbiamo attivato team psicologi per supporto ai familiari. Alle ore 7 il Piano di emergenza e’ stato disattivato con una certa gradualita’”, hanno aggiunto i due medici. “Abbiamo dovuto fare un enorme sforzo perche’ le rianimazioni erano tutte piene”, hanno aggiunto. Alla conferenza stampa e’ intervenuta anche la dottoressa Giorgia Cannizzaro psicologa per le emergenze.

Secondo quanto si è appreso, a far scoppiare il panico all’interno del locale sarebbe stato l’uso di un gas urticante, qualcuno parla di spray al peperoncino spruzzato da uno dei partecipanti alla serata. Immediate le reazioni dei ragazzi che una volta guadagnata l’uscita di sicurezza si sono riversati all’esterno. Ma, secondo una prima ricostruzione, le balaustre delle scale di emergenza avrebbero ceduto sotto la pressione degli spettatori.

La calca creata dall’improvviso effetto ‘gregge’ avrebbe causato la caduta degli spettatori, che sarebbero caduti ammassati l’uno sull’altro. Il locale e’ stato posto sotto sequestro, l’indagine dei Carabinieri, guidata dalla procura di Ancona, e’ in corso. In particolare, le attenzioni si starebbero appuntando sul numero di spettatori presenti. Molti testimoni parlano infatti di numeri molto superiori rispetto alla reale capienza. Immediate le reazioni di sgomento.

“E’ una tragedia che lascia impietriti, non si può morire cosi‘” dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “Il pensiero di tutti – dice il capo dello Stato – e’ di vicinanza e solidarieta’ alle famiglie delle giovanissime vittime, al loro dolore lacerante, e alle condizioni dei tanti feriti con l’augurio di pronta guarigione”.

Anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, segue da vicino gli sviluppi della tragedia, e dice: “Quello che doveva essere un incontro gioioso, un concerto, si e’ trasformato in tragedia, una tragedia inaccettabile”, aggiungendo che si “sta recando sul posto, per verificare di persona quello che e’ accaduto”. Dal vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Non si puo’ morire cosi’ a 15 anni, un pensiero e una preghiera per i sei morti di stanotte nelle Marche, e una speranza per i tredici feriti gravi ancora ricoverati”.

Si unisce al dolore anche il vicepremier Luigi Di Maio, secondo il quale “E’ assurdo morire cosi’. Come governo faremo massima chiarezza sulla dinamica della vicenda”. Nella piccola cittadina Marchigiana teatro della tragedia, intanto, in segno di rispetto il sindaco ha annunciato per oggi e domani due giornate di lutto cittadino, mentre il trapper Sfera Ebbasta annuncia via Twitter che “per rispetto verso le vittime e i feriti, tutti gli impegni promozionali e gli instore dei prossimi giorni verranno cancellati”.

“Da questa mattina ho il cuore spezzato per quello che ho visto e in questo momento qualsiasi aggettivo e’ superfluo: sei giovani vite perse e sette persone ricoverate in codice rosso dicono tutto di questa tragedia immane”, commenta il questore di Ancona, Oreste Capocasa, tra i primi a raggiungere il ‘Lanterna Azzurra Clubbing’.

“Si stanno facendo gli accertamenti e, di conseguenza, si vedra’ poi cosa sia successo veramente sia dentro che fuori”, ha aggiunto il questore. Capocasa si e’ poi spostato all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, dove sono ricoverati i 7 feriti piu’ gravi e che ospita le salme delle vittime.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...