Ufo avvistato a Mazara del Vallo: l’analisi degli esperti [FOTO e VIDEO]

Gentile redazione chi scrive è il dr. Angelo Carannante presidente del C.UFO.M. alias Centro Ufologico Mediterraneo, affermato e prestigioso centro di ricerca e studio degli oggetti volanti non identificati e fenomeni aerei anomali. Tutto quello che non è umano e natura è mistero. Guidati da questo motto abbiamo indagato centinaia di casi nella nostra attività di indagine. In particolare ci interesserebbe essere messi in contatto on i testimoni dell’avvistamento di Mazara del Vallo di fine novembre 2016. Infatti per effettuare le dovute sicure valutazioni e dare una risposta al caso è necessario studiarlo ed indagarlo più a fondo. Per ora possiamo fornire un nostro giudizio sui dati a disposizione che, anche se non molti, ci consentono di affermare che l’ufo file di Mazzara del Vallo è certamente interessante e merita quindi uno studio approfondito. Certamente vi sarà qualche scettico che vi scriverà dicendo di aver trovato la soluzione e che non è un ufo: questo è il loro mestiere. Anche un alieno davanti ai loro occhi non li convincerebbe. Venendo dunque al merito della vicenda, nel video si osserva un oggetto volante non identificato che sembra dentellato e che appare ruotare su se stesso vorticosamente, come testimoniato dagli esterrefatti protagonisti. Se i testimoni hanno visto ruotare l’ufo con i loro occhi allora l’oggetto ruotava. Se invece lo hanno osservato attraverso il display del cellulare allora è probabile un effetto ottico. Non sappiamo se l’apparente dentellatura sui bordi è dovuta alla scarsezza della qualità dell’apparecchio da ripresa, cosa probabile ma non sicura. Anche quando l’ufo sembra aumentare di dimensioni, i testimoni lo affermano esplicitamente nel sottofondo al filmato, non è chiaro se lo vedano direttamente oppure attraverso il display del cellulare. Hanno utilizzato lo zoom? Non sembra! Vale lo stesso discorso fatto per la rotazione. Insomma è una questione di messa a fuoco della fotocamera del cellulare. Interessante si rivelano anche i vari colori che mostra l’oggetto che anch’essi potrebbero essere dovuti alla ripresa. Ogni tanto, e per diverse volte, nel filmato si vedono come dei bagliori, che sono associati al passaggio di veicoli davanti all’obbiettivo ed altre volte anche al solo rumore dei motori dei veicoli di passaggio. Quindi si tratta solo di disturbi non dovuti all’ufo. E’ difficile per un cellulare, ricordiamo con scarse prestazioni in video, mettere a fuoco un oggetto in movimento come quello di cui parliamo, per cui sono inevitabilmente presenti tanti fenomeni di distorsione. Aggiungiamo il movimento della mano dell’operatore e la difficoltà di inquadrare un oggetto in cielo e per giunta nel buio. L’oggetto volante non identificato di Mazara del Vallo è presente nella casistica del C.UFO.M. Infatti a Pago Veiano (Benevento), il 7 aprile 2010 venne ripreso e fotografato un ufo simile, anche se con colori diversi, che all’epoca definimmo “rugoso”. Inutile spiegare la ragione di tale nome, basta guardarlo. Vi allego alcuni fotogrammi dell’ufo di Mazara del Vallo ottenuti applicando opportuni filtri ed ingrandimenti e una foto proprio dell’ufo di Pago Veiano. Si noteranno alcune similitudini con l’oggetto di Mazara del Vallo come per l’appunto la superficie irregolare e la sfericità. Quello di Pago Veiano mostra in basso a destra una specie di apertura luminosa a spicchio, che sembra quasi una bocca. Con i pochi dati a disposizione, possiamo ragionevolmente affermare che quello di Mazara del Vallo è un ufo. E poi, vista l’importanza della testimonianza nella contemporanea era digitale, le parole “live” dei testimoni in sottofondo sono molto significative. Tuttavia per dire la parola fine ed escludere qualsiasi ipotesi come bufale, riflessi, montaggi con Photoshop, ecc., aspettiamo di svolgere, dopo gli opportuni contatti con i testimoni, le dovute indagini.