Importanti aggiornamenti sull’uragano Leslie: “landfall” in Portogallo nel weekend con venti di 120 km/h e piogge torrenziali [MAPPE]

I modelli indicano con maggior certezza un "landfall" sul Portogallo meridionale nella giornata di domenica 14 ottobre: Leslie potrebbe toccare la terraferma con intensità di uragano

Leslie, l’uragano che potremmo definire “zombie” per la longevità che sta dimostrando, si avvicinerà alla sua fine nel corso del weekend e, per tenere fede alla sua reputazione, si tratterà di un gran finale. Gli ultimi modelli, infatti, suggeriscono che Leslie potrebbe toccare terra nelle parti sudoccidentali della Penisola Iberica e, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare considerata la sua prolungata permanenza sulle acque dell’Atlantico, non si presenterà come una tempesta di lieve intensità.

Le immagini satellitari del pomeriggio di oggi, 12 ottobre, rivelano un’impressionante struttura del sistema, con una convezione organizzata intorno al centro e con almeno una parziale parete di nubi intorno all’occhio. La stima dei venti massimi parla di 145 km/h circa, che rendono Leslie un uragano di categoria 1 a soli 9 km/h dalla soglia della categoria 2. Il sistema ha una pressione centrale di circa 969hPa.

Nella gallery a corredo dell’articolo troverete i modelli di oggi, che indicano con maggior sicurezza il “landfall” sulla Penisola Iberica sudoccidentale, in particolare sul Portogallo meridionale nella giornata di domenica 14 ottobre. Un aspetto ancora più interessante è il fatto che Leslie potrebbe mantenere la sua struttura con nucleo caldo fino al momento in cui toccherà la terraferma. Questo significa che potremmo vedere un sistema con forze di intensità di uragano (o almeno tempesta tropicale molto forte) toccare terra sulla Penisola Iberica!

I modelli GFS, ARPEGE, ICON-EU e NMM concordano tutti ampiamente su un “landfall” come tempesta intensa sul Portogallo meridionale, dove potrebbero registrarsi venti massimi di 90-120 km/h, appena dentro la soglia di uragano di categoria 1. Anche il modello europeo ECMWF suggerisce che la traiettoria di Leslie si sta inclinando nuovamente verso la Penisola Iberica, mentre fino alle scorse ore si tendeva verso un ritorno nelle acque aperte dell’Atlantico dopo un passaggio vicino all’isola di Madeira. Oltre ai forti venti, ci sarà anche l’ulteriore minaccia di violente tempeste e piogge torrenziali con quantitativi totali localmente importanti.

Il modello d’insieme sulle traiettorie dei cicloni in Europa nel corso del weekend include anche l’ex uragano Michael, che attraverserà rapidamente l’Atlantico e si avvicinerà al Golfo di Biscaglia e alla Penisola Iberica nordoccidentale solo un giorno dopo il previsto “landfall” di Leslie. Dunque, due forti sistemi che minacciano di stravolgere il meteo sul nostro continente nel corso della prossima settimana.